Nizza di Sicilia. L’incidente mortale di due anni fa sul lavoro, rinviati a giudizio 4 nizzardi con l’accusa di omicidio colposo e mancato rispetto delle norme di sicurezza

MESSINA – Quattro rinvii a giudizio per l’incidente mortale sul lavoro verificatosi nel maggio del 2007 nella zona a monte di Nizza di Sicilia e nel quale perse la vita l’operaio catanese Filipo Barbagallo impegnato in lavori di sbancamento per la costruzione di una casa. Barbagallo rimase schiacciato dal crollo del muro di un fabbricato adiacente. Il gup Maria Teresa Arena ha invece prosciolto altri due indagati: Venera Spadaro, 53 anni residente a Roccalumera, incaricata del collaudo statico, e Alfio Valastro, 40 anni, di Letojanni. Di fronte al magistrato, con le accuse, a vario titolo, di concorso in omicidio colposo e mancato rispetto delle norme di sicurezza, compariranno invece Carmelo Lombardo, 41 anni di Letojanni, titolare dell’impresa costruttrice e datore di lavoro di Barbagallo; il responsabile della sicurezza sul cantiere; il direttore dei lavori Giovanni Biagio Camillen, 59 anni; Enrico Interdonato, 50 anni, committente dei lavori; e Antonio Sterrantino, 50 anni, coordinatore per la progettazione. Gli imputati sono tutti di Nizza di Sicilia.

Leave a Response