Messina. La regione Calabria ha deciso di uscire dalla Stretto di Messina Spa, società per la progettazione e realizzazione del Ponte

 La Regione Calabria ha deciso di uscire dalla Stretto di Messina Spa, societa’ concessionaria del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la progettazione, realizzazione e gestione del ponte. La decisione, spiega un articolo di MF, e’ stata presa qualche settimana fa dalla giunta regionale che ha deciso di cedere la sua partecipazione del 2,56% e di non partecipare quindi ai futuri aumenti capitale previsti dal programma del governo per arrivare alla messa in esercizio dell’opera entro il 2017. Entro i prossimi anni, infatti, per reggere l’investimento previsto, superiore a 6 miliardi, i soci di Stretto di Messina dovranno sborsare fino a 900 milioni. Il disimpegno della Regione Calabria, che come la Sicilia ha in portafoglio non piu’ del 2,56% della societa’, non sara’ certo un problema per gli altri azionisti e anzi sembra che i rappresentanti dell’Isola abbiano non solo assicurato la propria partecipazione alla prevista ricapitalizzazione (pro-quota, circa 23 milioni), ma si siano detti disposti a sottoscrivere anche le quote inoptate fino a un importo massimo di 100 milioni. red/vz

 </p>

Leave a Response