Scaletta. “Natale per ricominciare”, iniziative dell’Istituto Comprensivo per far trascorrere momenti di serenità ai bambini

SCALETTA ZANCLEA – “Caro Gesù, io questo Natale non voglio regali. L’unica cosa che ti chiedo è che Scaletta, il mio paese distrutto, venga ricostruito e ripopolato da tutte le sue belle famiglie”: così ha scritto in una letterina il piccolo Alessio De Luca, alunno della Vª classe della scuola primaria “S. Giovanni Bosco” di Scaletta Marina. Una frase semplice ma dal significato profondo, che riassume la voglia di rinascere degli scalettesi dopo la tragica alluvione del 1° ottobre e la sua ondata di distruzione, dolore e morte. Ma Scaletta non vuole mollare. Dopo i mercatini di Natale, organizzati dai commercianti e dagli artigiani in piazza Stazione, anche l’Istituto Comprensivo “Franco Giacobbe”, diretto da Venera Munafò, ha messo in piedi un cartellone di iniziative dedicate ai più piccoli, per far trascorrere loro momenti di serenità e spensieratezza. “Natale per ricominciare!” è il titolo dell’iniziativa che ha preso il via mercoledì e che sta coinvolgendo commercianti e artisti di paesi vicini in un’autentica gara di solidarietà. Questa mattina, rappresentanti della ditta olandese “Gt Bicycles”, in collaborazione con “Bikeshop” di Sabrina Cannavò, hanno donato biciclette agli alunni alluvionati delle scuole scalettesi. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16,  avrà luogo uno spettacolo durante il quale si esibiranno le ragazze del Circolo ‘”Number One”, la band per Messina “Mani”, i “Frutta mista”, le cantautrici Patrizia Ajello,  Luana Gravina e Alessandra Liotta, le poetesse Lucia Naccari e Mimma Mastroieni, il coro di voci bianche “Progetto suono” di Messina, diretto da Carmela Galvagno. Sabato, alle 16, è invece in programma lo spettacolo con il gruppo musicale diretto dal maestro Antonio Grioli, l’associazione Danza Sportiva “Team La Perla” e il “Centro Formazione Danza”, i cantanti Luana Gravina, Aldo Lo Faro e Patrizia Zizzo, i “Mirabili” e il clan “Buenavista” di Alì Terme.

Leave a Response