Ecco la foto del 30enne di origini colombiane arrestato per atti di sciaccallaggio ad Itala, uno dei paesi alluvionati. Si chiama Marion Randi Freni

ITALA – A seguito dell’alluvione del 1. ottobre scorso che ha colpito la zona sud di Messina il Comando provinciale carabinieri di Messina ha disposto diverse attività finalizzate a prevenire e reprimere azioni di sciacallaggio nelle aree disastrate. In quelle zone da settimane operano anche, oltre ai carabinieri delle locali stazionii, gli uomini del 12.  Battaglione carabinieri “Sicilia” di Palermo. In tale contesto, si inquadra anche la specifica attività che ha consentito ai arabinieri della Stazione di Scaletta Zanclea di eseguire, a conclusione di una tempestiva attività investigativa, un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip di Messina a carico del 30enne di origine colombiana, responsabile di alcuni furti commessi presso abitazioni del comune di Itala che i proprietari avevano dovuto abbandonare a causa dell’alluvione. Le manette sono scattate ai polsi di Mairon Randi Freni Hurtado Rodriquez, residente ad Itala, già conosciuto alle forze dell’ordine. Mairon Rand, accusato di furto aggravato e ricettazione, era detenuto in regime di arresti domiciliari per un reato simile e di evasione. Si è risaliti a Marion Randi a conclusione di un accurato sopralluogo eseguito dai carabinieri della stazione di Scaletta Zanclea unitamente al personale del Ris di Messina, che hanno rilevato alcune impronte che opportunamente repertate sono state accuratamente analizzate tramite accertamenti di natura dattiloscopica consistiti nell’inserimento dei dati acquisiti nel sistema di archiviazione e ricerca elettronica denominato Afis. Il sistema elettronico ha consentito di risalire all’autore del furto. Nel corso delle perquisizioni eseguite a seguito dell’arresto del 30enne, i carabinieri hanno altresì rinvenuto parte della refurtiva. Il  30enne è stato tradotto nelle carceri di Messina Gazzi. Invece, i carabinieri della Compagnia di Messina Sud, nell’ambito del più ampio contesto di prevenzione, continuano ad assicurare, tramite lo svolgimento di specifici servizi, maggiore sicurezza nei territori dei Comuni colpiti dall’alluvione. In tale contesto è stato arrestato Avis Brahim, cittadino tunisino di 23 anni, per inosservanza del decreto di espulsione; nel villaggio Zaffaria Benedetto Mesiti,  31 anni, sottoposto agli arresti domiciliari e sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Leave a Response