Messina. Primarie Pd, l’ex parlamentare Barbalace denuncia di essere stato minacciato e fa intervenire la Digos

MESSINA – Seggi aperti fino a tarda sera in provincia di Messina per le primarie del Pd. A Messina, Brolo, comune del versante tirrenico messines, davanti all’unico gazebo, si sono registrati scambi di accuse fra i sostenitori delle tre mozioni. Giuseppe e Francesca Natoli, padre e figlia, candidati per la lista regionale che sostiene Giuseppe Lumia e per quella nazionale che appoggia Pier Luigi Bersani hanno denunciato che esponenti del circolo che sostiene Dario Franseschini e il candidato alla segreteria regionale Giuseppe Lupo, hanno pagano la prevista quota di due euro agli elettori. A Messina, invece, grave la denuncia da parte del rappresentante di lista della mozione Bersani, l’ex parlamentare del Psi Francesco Barbalace, che ha fatto intervenire la Digos perché «ho protestato – ha detto – ma sono stato subito circondato e minacciato da cinque persone».

Leave a Response