Messina alluvione. Il governatore Lombardo in visita nei pasi devastati: impossible adesso quantificare i danni, moltissime case saranno abbattute

SCALETTA ZANCLEA – Attonito, davanti al disastroso scenario di morte che si presenta davanti ai suoi occhi a Scaletta Zanclea, il presidente della Regione Raffaele Lombardo oggi ha visitato le zone del messinese colpite dall’alluvione del primo ottobre. Poco dopo le nove del mattino è iniziato il sopralluogo del governatore siciliano, designato anche commissario per l’emergenza, che si è subito reso conto che “ ci sono delle abitazioni che andranno inevitabilmente abbattute”, ma nello stesso tempo promette controlli che saranno effettuati da tecnici specializzati per stabilire l’agibilità delle case rimaste in piedi. Lombardo ha visitato anche le zone di Altolia, Itala e Giampilieri superiore dove ha detto che “attualmente è impossibile quantificare i danni”. Nel corso dell’incontro alla Prefettura, al quale erano presenti i sindaci di Messina Buzzanca, Mario Briguglio di Scaletta Zanclea, l’assessore regionale Nino Beninati, il prefetto Alecci, Lombardo ha chiarito quali saranno le risorse economiche da utilizzare per la ricostruzione, sottolineando che “bisognerà sfruttare i fondi residui di Agenda 2000 e  “recuperare” delle somme non utilizzate, che rischierebbero di andare perse, della prima tranche dei Fondi Fesr 2007-2013.” Al termine della visita il governatore siciliano, oltre che prospettare delle soluzioni immediate per gli sfollati, ha promesso che tornerà mercoledì prossimo nelle zone alluvionate.

Leave a Response