Messina alluvione. Un ticket di 2 euro per ”sbarcare” in Sicilia. La proposta del Movimento autonomista alla Provincia e di altri consiglieri

MESSINA – I consiglieri provinciali Previti, Cerreti, Galluzzo, Bivona, Summa, Danzino, Scimone, Calabrò Tonino, Palermo, Mazzeo, Testagrossa, Muscarello, La Rosa, Bonfiglio, Francilia, Gulotta e Vicari, hanno proposto in sede consiliare, su iniziativa del consigliere del Mpa, Roberto Cerreti,itto Roberto Cerreti e del gruppo del MPA,  di provvedere alla formulazione di un ordine del giorno straordinario da poter condividere con tutti i Consigli di Quartiere della città di Messina e del consiglio comunale, finalizzato ad intervenire presso il presidente Berlusconi affinché venga concesso di, in deroga all’attuale normativa,  per l’inserimento di un ticket di 2 euro d’ingresso per tutti coloro “che sbarcano dall’Italia nella nostra Regione”, ad eccezione dei residenti sul territorio di Messina e della sua provincia, per contribuire alla realizzazione di tutte quelle opere necessarie ed indifferibili, per la messa in sicurezza dell’intero territorio messinese e per la ricostruzione delle zone colpite dalle alluvioni del 2007 e del 2009.
La richiesta diventa ancor più valida, in considerazione che dal punto di vista economico – viene fatto rilevare  in un comunicato stampa –  la realizzazione del ticket, non comporterebbe per i messinesi nessun tipo di aggravio economico sul costo del biglietto di attraversamento dello Stretto, ma anzi “la grande opportunità”, avvalendoci delle nostre potenzialità e risorse, di non essere più tacciati – sostiene il Movimento autonomista – dalla stampa nazionale, come “i complessati ed fanalino di coda di questa loro Italia, sempre pronti a mendicare soldi dai padroni romani”, anche se c’è da dire che questi signori dimenticano troppo spesso, che buona parte delle entrate dello Stato, sono frutto delle tasse che i siciliani e le aziende insistenti nella nostra Regione versano alla tanto amata e distante capitale italiana (solo il Petrol-Chimico 8 miliardi di euro l’anno). Pertanto l’unanime decisione – sostiene Cerreti –  di convocare per domani una conferenza dei Capigruppo urgente, al fine di formulare gli atti consequenziali propedeutici all’attuazione di quanto proposto e condiviso dai consiglieri oggi presenti in Aula.       

Leave a Response