S. Teresa. Verifiche strutturali in tre edifici scolastici. A breve il conferimento degli incarichi professionali

S. TERESA – Il sindaco Alberto Morabito conferirà a breve tre incarichi professionali per la verifica delle condizioni strutturali di altrettanti edifici scolastici cittadini. Nessun allarmismo, spiegano dal palazzo municipale, solo la consapevolezza che quando c’è in gioco la sicurezza dei bambini nessun aspetto deve essere lasciato al caso. Del resto gli edifici in questione, i plessi delle scuole elementari di Cantidati, Centro e Sparagonà hanno ormai sulle spalle parecchi anni ed è quindi necessario verificarne la stabilità. L’Amministrazione Morabito ha previsto nel Bilancio di Previsione per l’anno 2009 una spesa di 65mila euro per l’affidamento degli incarichi professionali. Le indagini si muoveranno in due direzioni: la verifica dei rischi sismici degli edifici scolastici e l’eventuale progettazione delle opere di adeguamento strutturale. Morabito ha dunque mantenuta la sua promessa: lavorare per la sicurezza del paese. Lo aveva comunicato in Consiglio comunale quando, chiamato in causa sul mancato allestimento del cartellone estivo delle manifestazioni, il primo cittadino aveva specificato che quei soldi sarebbero stati destinati ad opere ritenute molto più importanti. Non solo la verifica della solidità edifici scolastici, ma anche la salvaguardia della linea costiera, negli ultimi anni soggetta ad un preoccupante fenomeno di erosione. L’Amministrazione aveva dato incarico di studiare il problema al Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale dell’Università di Catania. Ne è venuto fuori un progetto – redatto dal Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche Sicilia-Calabria, sezione di Palermo, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – già approvato dalla Giunta cittadina e sottoposto al vaglio dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente per il finanziamento. Prevista una spesa di 30milioni di euro per la difesa, la stabilizzazione e la riqualificazione dell’area costiera della cittadina jonica. Secondo le linee guida del progetto, si dovrebbe realizzare una una barriera soffolta di nuova concezione e intervenire con il ripascimento della spiaggia.

Leave a Response