Furci. Lavori per 30mila euro alla rete fognante, domani la firma dell’ordinanza sindacale

FURCI SICULO – Il sindaco Bruno Parisi firmerà domani un’ordinanza per i lavori urgenti alla rete fognante, che parecchi disagi ha creato nel corso dell’estate ormai agli sgoccioli. Sarà impegnata una somma di circa trentamila euro, per la sostituzione del motore di sollevamento che spinge i liquami della cittadina jonica fino all’impianto di depurazione che serve anche i paesi di Pagliara e Roccalumera e che sorge alla periferia sud di quest’ultimo comune. Il motore di sollevamento è usurato, ormai inservibile e a quanto pare è stato la causa principale dei problemi igienici che in particolare nell’ultimo mese hanno fatto insorgere villeggianti e residenti. Nei giorni di ferragosto le acque nere hanno rigato l’arenile all’altezza di via Cesare Battisti, nel momento clou della stagione, quando la spiaggia era affollata di bagnanti.  Non sono mancate le proteste e le segnalazioni in municipio, anche per il nauseabondo odore emanato dai liquami. “Il guasto c’è ed interverremo” ha spiegato il sindaco Parisi, il quale ha aggiunto che “ad aggravare la situazione ci ha pensato il notevole aumento della popolazione che nel nostro paese, nella calda stagione, raddoppia. I tubi si sono intasati – prosegue –  e il motore è andato in tilt causando la fuoriuscita dei liquami. A quanto sin qui detto bisogna aggiungere il ristagno, che ha provocato ulteriori danni”. Per quanto riguarda il depuratore, invece, ha tenuto nonostante la popolazione dei tre centri consorziati, nel mese di agosto, sia più che raddoppiata. “La sostituzione del motore, comunque – assicura il primo cittadino – risolverà definitivamente il problema”. Ma a Furci c’è un altro nodo da sciogliere al più presto, prima che giungano le piogge autunnali, e riguarda le acque bianche che vanno a finire nella rete fognante, intasandola. “Un’altra situazione che abbiamo monitorato – sottolinea il sindaco – e che sappiamo crei problemi seri in quanto intasandosi la condotta le acque finiscono in strada”.  Così come accade in via Calatafimi, alla periferia sud del paese, dove ad ogni pioggia la strada si trasforma in un lago diventando intransitabile, non solo a piedi ma anche in auto. “Stiamo già predisponendo un intervento mirato – conclude il primo cittadino – e siamo prossimi alla risoluzione del disagio, spero prima dell’autunno”.

Leave a Response