S. Teresa. Manifesto a lutto della minoranza sulle manifestazioni estive. Replica l’assessore Puglisi

S. TERESA – E’ polemica nella cittadina jonica sulla mancata programmazione di un cartellone delle manifestazioni estive. A puntare i riflettori sulla questione è stato il gruppo di minoranza che con un manifesto listato a lutto, affisso per le vie del paese, ha annunciato la “scomparsa delle manifestazioni estive”. Un’iniziativa che gli stessi autori (Fabio Palella, Danilo Lo Giudice ed Enzo Filoramo) hanno definito ironica e provocatoria, ma che non è andata giù all’Amministrazione comunale. “E’ stato un modo per riaccendere il dibattito politico a S. Teresa – spiega Fabio Palella – dopo un periodo di torpore. La scusante che non ci sono soldi in cassa non regge, anche perché il Bilancio parla chiaro: c’è un avanzo di 300mila euro. Tutti i Comuni della zona, inoltre, hanno fatto il possibile per approntare un cartellone delle manifestazioni agostane. E certo un Comune di rango come S. Teresa non può permettersi di costringere residenti e vacanzieri a spostarsi altrove per trascorrere qualche ora di spensieratezza”. “Noi siamo convinti che il cartellone si potesse fare – aggiunge Danilo Lo Giudice – e che servisse per aiutare anche i nostri commercianti che nei tre mesi estivi devono concretizzare i sacrifici di un anno. Avremmo voluto portare le nostre proposte in Consiglio comunale, per discuterne, ma non ci è stata data l’occasione per farlo”. “Ho trovato di cattivo gusto l’iniziativa della minoranza – ha replicato l’assessore agli Spettacoli, Nat Puglisi – e poi non è vero che a S. Teresa questa estate non ci sono state manifestazioni. Alcune sono state organizzate dalle associazioni locali, altre, come la “Notte Bianca”, sono state promosse e curate dall’Amministrazione. Certo – conclude Puglisi – non c’è stato un cartellone ampio perché abbiamo deciso di spendere i pochi soldi a disposizione per opere concrete, come il rifacimento del campo di basket, costato 25mila euro”.

Leave a Response