Chiusura Boccetta, prima udienza della causa collettiva

MESSINA – Si discuterà il prossimo 22 giugno al tribunale di Messina la prima udienza riguardante la causa collettiva, alla quale hanno aderito centinaia di cittadini, presentata da Consumatori Associati contro chi ha determinato la chiusura della rampa dello svincolo autostradale di viale Boccetta lo scorso marzo. Il tratto di strada era stato sequestrato dalla Procura della Repubblica dopo che una perizia aveva accertato il rischio di crollo perché le strutture portanti erano state danneggiate nel corso di alcuni lavori eseguiti da una ditta privata. Nelle settimane scorse l’associazione aveva raccolto le adesioni per l’azione giudiziaria, tesa a ottenere un risarcimento per i danni subiti dai residenti della zona e, in generale, dagli automobilisti messinesi a causa degli ingorghi determinati dalla chiusura dello svincolo e dai commercianti. Il ricorso era poi stato presentato al presidente del tribunale, in modo da rendere più veloci i tempi e così,  in un mese e mezzo, il presidente ha fissato un’udienza. “E’ assurdo che ancora oggi le istituzioni – dice l’avvocato Ernesto Fiorillo, presidente di Consumatori Associati – non abbiano provveduto alla riattivazione totale della rampa e speriamo quindi che al più presto la normalità venga ripristinata. I cittadini di Messina sono stanchi di vedere calpestati i loro diritti per interessi di pochi privati, e speriamo dunque che questa volta prevalga la giustizia. Dobbiamo cercare di rendere sempre più attiva in questa comunità, di solito apatica, la partecipazione dei cittadini che devono diventare protagonisti nei processi decisionali”.

Leave a Response