S. Teresa. Pasqua di solidarietà per la piccola Desirée

S.TERESA – Gara di solidarietà al Palabucalo. Sp Catania (serie A2) e Cs Volley Brolo (B1) hanno giocato per Desirée, la bimba la bimba di 5 anni affetta da encefalopatia per nascita prematura, bisognosa di costose cure in America per poter parlare e camminare. Pallavolo spettacolo, per una serata di beneficenza. Al palazzetto erano presenti i nonni della bambina, Severino e Pina, che continuano a prodigarsi per sensibilizzare l’opinione pubblica. Nonna Pina ad inizio gara ha ringraziato le società e gli spettatori che hanno risposto all’appello dei volontari organizzatori dell’evento. Poi la partita, finita 3 a 1 per i catanesi allenati da Conte. Ma questo è un dettaglio. L’iniziativa ha consentito di raccogliere mille euro. “Siamo soddisfatti – spiega Salvatore Nicita, ex giocatore della gloriosa Jonica S. Teresa, tra gli organizzatori della partita – e siamo pronti a dare altri contributi, magari coinvolgendo le scuole”. “Abbiamo risposto all’invito con grande piacere” ha fatto eco il ds dell’Sp Catania, Daniele Caniglia, vecchia conoscenza dei santateresini per  aver militato nella Jonica ai tempi della B. “Quando si tratta di nobili iniziative, come in questa occasione per la piccola Desirée – ha aggiunto il direttore sportivo etneo – non ci tiriamo mai indietro. Anzi, scendiamo in campo volentieri. Sono questi i momenti in cui si va oltre lo sport e gli atleti diventano promotori di grandi valori”. Desirée ha già fatto un primo ciclo di cure in una clinica specializzata americana, che esegue una terapia con la tecnica dell’ossigeno iperbarico. E’ tornata lo scorso dicembre. “Abbiamo riscontrato risultati importanti – ripetono mamma Rossella e i nonni – ma sono necessari altri costosi e lunghi periodi di terapia”. Al momento, per il secondo ciclo di cure, la famiglia può contare su offerte pari a circa 70mila euro (58.676 euro alla posta, 10mila in banca) ed in più sulle somme raccolte negli ultimi giorni. Frutto della grande generosità dei cittadini jonici.

Leave a Response