Furci. Auto danneggiate, la colpa fu del vento

FURCI SICULO – A conclusione di specifica attività d’indagine, i carabinieri della stazione di Santa Teresa di Riva hanno accertato che il danneggiamento di alcune autovetture parcheggiate sul lungomare di Furci Siculo, segnalato la notte tra il 5 ed il 6 marzo, è da attribuire non ad un atto di vandalismo bensì alle avverse condizioni metereologiche che interessarono quell’area del litorale ionico. Quella notte, infatti, furono registrate forti raffiche di vento.
Già primi accertamenti effettuati sul posto e dall’unica denuncia presentata ad uno dei proprietari dei mezzi a fronte di diverse auto danneggiate (i carabinieri ne accertarono 5, ma qualcuno parlava addirittura di 11), i militari dell’Arma avevano percepito che la causa dei danneggiamenti non era da ricercarsi in un atto vandalico.
L’unico vero autore di tanti danni è dunque stato il forte vento che con la sua furia ha divelto cartelloni pubblicitari, rovesciato barche e sollevato ogni sorta di detriti ed oggetti di vario genere scaraventandoli contro le autovetture, come riferito dallo stesso unico denunciante e confermato da un testimone oculare (il quale ha riportato danni su ben tre autovetture).
Peraltro, il particolare evento meteorologico era stato segnalato con un bollettino diramato la mattina del 5 marzo dal dipartimento di Protezione Civile di Messina.

Leave a Response