Messina. Camera di commercio, incontro sul Gal

MESSINA – Ha preso il via questa mattina, nella sala Consulta della Camera di commercio, la prima riunione operativa sul costituendo “Gal dei Peloritani”. Il presidente dell’Ente camerale, Vincenzo Musmeci, ha, infatti, risposto alle numerose sollecitazioni pervenute dalle associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore economico agricolo, convocando l’incontro di oggi per stabilire linee programmatiche d’intesa dirette alla costituzione e al funzionamento del “Gal dei Peloritani”. “Cosciente e consapevole di rappresentare il mondo delle imprese e quello dell’agricoltura, che sta vivendo un momento di profonda crisi – afferma Musmeci – la Camera di commercio ha raccolto l’esigenza prospettata dalla Confagricoltura, dalla Cia e dalla Coldiretti e si è fatta carico di sollecitare i soggetti interessati perché l’iniziativa relativa alla costituzione del Gal dei Peloritani vada a buon fine”.
Il Gal ha il compito di redigere, elaborare e presentare un Piano di sviluppo locale e, altresì, di promuovere strategie di sviluppo rurale, innovative, sostenibili e di elevata qualità. Per il Messinese, è prevista la costituzione di due Gruppi di azione locale per lo sviluppo rurale del territorio: i Nebrodi (40 Comuni) e i Peloritani (50 Comuni, sia della fascia ionica che di quella tirrenica). “L’invito che rivolgiamo ai soggetti interessati – prosegue il presidente della Camera di commercio – è che il campanilismo ceda il posto alle reali esigenze del territorio. In questo momento, approfittare di tutte le risorse disponibili per fronteggiare la crisi è fondamentale”.
Per la Sicilia, è prevista la realizzazione di 15 Gal, per ognuno dei quali dovrebbero essere stanziati circa 10 milioni di euro. “Siamo all’inizio della fase del Programma di sviluppo rurale – dichiara il presidente provinciale della Cia, Gino Savoja – che prevede, nell’asse 4, una linea di finanziamenti per le zone rurali. Non sono certamente risorse risolutive, ma senza dubbio possono aiutare in questa situazione di difficoltà. Però, siamo in ritardo. Dobbiamo cercare di velocizzare il più possibile i tempi”. A breve, infatti, sarà pubblicato il bando relativo ai fondi “Leader”. E, da quel momento, come sottolineato dal neopresidente provinciale della Confagricoltura, Francesco Natoli, ci saranno 45 giorni di tempo per presentare la proposta di partenariato. All’incontro hanno preso parte anche il preside della facoltà di Economia, Luigi Ferlazzo Natoli – che ha apprezzato la possibilità di collaborazione con la Camera di commercio -, il docente universitario Maurizio Lanfranchi e il consigliere camerale Francesco Aloi.

Leave a Response