Taormina, il sindaco “indaga” su obiettivi della Giunta

 TAORMINA – Non si conoscono ancora (forse perché non ancora conclusasi) i risultati dell’ indagine conoscitiva che il sindaco, Mauro Passalacqua, ha annunciato allo scopo di verificare gli obiettivi raggiunti dalla sua Giunta, durante i primi sei mesi d’attività amministrativa. E’ stato lo stesso primo cittadino ad annunciare di aver chiesto ai componenti della “sua” Giunta un dettagliato resoconto su quanto realizzato, a partire dall’insediamento, da governo cittadino. Secondo quanto previsto, ognuno dei sei assessori dovrà indicare quanto raggiunto nei vari campi di competenza e a che punto stanno alcune iniziative d’interesse generale della città.
Si tratta di un’azione che era stata già annunciata, ma poi non realizzata, a fine estate dello scorso anno. Un “progetto” che una volta riportato dagli organi d’informazione non mancò di destare prese di posizione nel mondo politico. Anche in quest’occasione l’annuncio dell’indagine conoscitiva non mancherà di animare la discussione politica nelle prossime settimane. A quanto pare, il sindaco non intende  stilare una classifica di merito. Vuole, però, verificare se esistono zone d’ombra allo scopo di determinare soluzioni o correttivi nell’azione dell’esecutivo di Palazzo dei Giurati. Questo può voler dire che non sono previste verifiche in seno alla Giunta e, soprattutto,  non sono attesi “licenziamenti” e nuovi ingressi. “Ma se il sindaco sente il bisogno di fare un’indagine di questo tipo, vuol dire che –dice l’ex assessore Salvo Cilona della Cdl- qualcosa non funziona così come si aspettava. Segnali di sofferenza sono emersi durante le ultime sedute del Consiglio comunale. Siamo, forse, di fronte ad una sorta di prova del nove, alla quale sono attesi i responsabili del governo cittadino nei campi di rispettiva competenza”. “Siamo in attesa –aggiunge la Cdl- di conoscere i risultati dell’iniziativa del primo cittadino. In questa maniera –sempre che i risultati saranno resi noti anche all’opposizione e quindi alla città- potremo avere un quadro esatto della situazione, dello stato d’attuazione del programma amministrativo. A mio giudizio, questo tipo di risultati non possono restare all’interno della maggioranza”. “Comunque –Pinuccio composto, anche lui della Cdl- sono mesi che l’opposizione chiede la verifica dello stato d’attuazione del programma della maggioranza. Forse adesso  il momento giusto è arrivato”. 
La Giunta è composta da: Giuseppe Calabrò (vicesindaco con delega a Sanità, Politiche del Lavoro e Servizio civile, Decentramento per le frazioni, Rapporti con l’Università); Vittorio Conti (Pubblica istruzione, Cultura, Politiche sociali e della Terza età, Politiche giovanili, Associazionismo sociale e culturale, Politiche dell’Integrazione e della Famiglia); Nunzio Corvaia (Commercio, Agricoltura e Artigianato, Urbanistica, Sportello unico per le Attività produttive, Sistema informativo territoriale, Sviluppo sostenibile, Finanziamenti e Programmi di sviluppo regionale, Sportello informatico dei cittadini); Fabio D’Urso (Politiche finanziarie, Bilancio, Contenzioso, Rapporti con società partecipate e controllate, Rapporti con il Consiglio comunale, Controllo di Gestione, Formazione professionale, Comunicazione); Italo Mennella (Turismo e Promozione turistica, Sviluppo economico, Verde pubblico e Arredo urbano, Sport e Spettacolo, Piano strategico e innovazione turistica, Marketing territoriale, memoria e Archivio storico); Marcello Muscolino (Lavori pubblici, Aree manutentive, Servizi cimiteriali, Demanio, Politiche abitative, Grandi opere, Finanziamenti e Programmi dell’Unione europea); Dino Papale (Polizia urbana, Viabilità, Ecologia e Igiene, Protezione civile, Servizi informatici, Politiche per l’Energia, Risorse idriche, Ciclo dei rifiuti e qualità dell’Ambiente, Autoparco).

Leave a Response