Taormina. Ztl, novità sottoposte a commissioni consiliari

TAORMINA – Si è parlato, tra l’altro, anche di pass residenti divisi per quartieri. L’idea sarebbe quella di consentire la sosta solo alle auto in base alla residenza. Una soluzione che se attuata, tra l’altro, ufficializzerebbe situazioni legate alla posizione anagrafica, così come risulta nelle patenti e nelle carte di identità. Per esempio (ma questi sarebbero i casi più eclatanti) chi abita nella Frazione di Trappitello avrebbe difficoltà a spostarsi nel centro città; lo stesso varrebbe per chi risiede a Mazzeo, a Villagonia o nelle contrade. L’assessore Costantino Papale che, ieri ha presentato alle commissioni consiliari competenti, la proposta per un nuovo piano della viabilità, però smentisce tutto. “Non esiste nulla di tutto questo nel programma. Sarebbe una proposta indecente. E’ vero che, durante la seduta, è venuto fuori questo argomento, ma solo con un accenno e solo per smentire questo tipo di discriminazione”.
A parte questa che si può considerare un leggenda metropolitana, la seduta delle commissioni non ha prodotto nulla di concreto. Si è trattato di un incontro interlocutorio al quale faranno seguito altre sedute. “Tutte quelle –dice Papale- necessarie per arrivare ad una soluzione condivisa che, poi, dovrà passare sotto la lente d’ingrandimento del Consiglio comunale”.
Questo vuol dire che, per adesso, di zone a traffico limitato, di video sorveglianza, di assoluto divieto di sosta nel centro delle auto dei non residente si continuerà a discutere in sede politica.
Per quanto riguarda il rilascio dei permessi per i residenti e per i possessori di abitazione ma non residenti, il progetto di massima non prevede varianti particolari rispetto al piano in vigore. “Sono previsti, però, -dice l’assessore- alcuni correttivi necessari per rendere attuale il tutto”. Correttivi che riguardano, soprattutto, il rilascio di permessi occasionali per i turisti alloggiati nelle strutture ricettive, i partecipanti a cerimonie e così via. “Per il resto –aggiunge Papale- si punta al blocco assoluto delle auto dei non residenti”.
Se il piano sarà approvato nelle prossime settimane, a gennaio del 2009 partirà la selezione e la verifica dei pass attualmente in vigore. Il servizio sarà coordinato dalla Polizia Municipale in collaborazione con l’ufficio anagrafe.
Ancora, però, non si è parlato della necessità di accertare se i permessi attualmente in circolazione sono, ancora, attuali. Tutto, però, fa pensare che si dovrà arrivare a questa soluzione. Da uno studio effettuato lo scorso, infatti, emerge una incongruenza grossa quanto un grattacielo. Un anno fa, a Taormina, erano 5.940 le auto di residenti in circolazione. 5.940 auto per 4.445 famiglie. Ciò vuol dire che, sempre nel 2007, a Taormina risultava, per ogni nucleo familiare, 1,34 auto. Un dato che, fece rilevare la commissione, era in contrasto con il numero dei pass emessi: in tutto 7.627. Questo vuol dire che, quantomeno, erano statti stampati e consegnati 1.687 permessi in più rispetto all’effettivo numero di famiglie taorminesi. Ma non sarebbe solo questa l’incongruenza: nel centro storico di Taormina (sempre sino al 2007) esistevano 1.271 stalli. Molti di meno rispetto alle auto dei residenti ai quali bisogna aggiungere i non residenti proprietari di auto. Dando per attuali le conclusioni a cui sono arrivati i membri della commissione del 2007, è evidente che, prima di avviare il nuovo piano, sarà necessario effettuare una revisione globale dell’archivio pass. Indispensabile eliminare quelli non più attuali, quelli delle persone trasferitesi o decedute, cercare di scoprire quelli falsi o riprodotti con scanner e fotocopiatrici.  
Per l’assessore, comunque, il punto più interessante dell’intero progetto è quello che prevede l’istituzione della video sorveglianza: una serie di telecamere posizionate nei punti cruciali della città, capaci di inquadrare le targhe delle auto in transito ed accertare se le targhe sono legate ad autorizzazioni regolarmente rilasciate. “E’ questo il sistema che pare essere il più idoneo per risolvere i problemi del traffico nel centro urbano di Taormina. Chi supererà i posti di controllo senza essere autorizzato si vedrà recapitare a casa la multa. Su necessità di adottare questa soluzione –aggiunge Papale- in commissione mi pare che tutti si siano dichiarati d’accordo. Chiaro, però, che i consiglieri comunali possono indicare eventuali errori e proporre soluzioni alternative. E’ per questo che a tutti i componenti delle commissioni consiliari è stata consegnata copia della bozza di piano. Avranno così la possibilità di studiare i termini della proposta e presentare eventuali soluzioni alternative”.

Leave a Response