Messina. Truffa agli anziani, arrestate tre persone

MESSINA – Truffavano gli anziani proponendo una fantomatica eredità. Per questo motivo la polizia di Messina ha eseguito tre ordini di custodia cautelare nei confronti di Vincenzo Saccà, 50 anni, Edoardo Salamone, 49 e Giuseppe Calabrese di 47, a tutti e tre il provvedimento è stato notificato in carcere a Ragusa, dove si trovano per un’altra simile vicenda. Una quarta persona è stata denunciata. Secondo la ricostruzione della polizia un falso imprenditore chiedeva all’anziano notizie su un medico a cui comunicare la notizia di un’eredità. Subito dopo si avvicinava un compliche che dava comunicazione della morte da qualche mese del dottore.
A quel punto l’imprenditore decideva di devolvere l’eredità milionaria all’anziano, ma era necessario andare da un notaio per stipulare l’atto e pagargli la parcella. La vittima prelevava il denaro e i truffatori lo invitano a recarsi in una rivendita di tabacchi per comprare una marca da bollo. A quel punto si facevano consegnare il denaro e fuggivano.
Quattro i casi accertati dagli investigatori che hanno scoperto due truffe da tremila euro, una da cinquemila e una tentata da 10 mila euro, commesse ai danni di ultrasettantenni.

Leave a Response