Patti (Messina). Estorsioni e droga, 4 arresti

ATTI – Estorsione e coltivazione di sostanze stupefacenti: questi i reati contestati dal gip del tribunale di Messina, Maria Angela Nastasi, nei confronti di quattro persone, che sono finite in carcere. Nella rete dei carabinieri sono finiti Giuseppe Baratta, Marcello Coletta, entrambi operai, appartenenti al clan dei Bontempo-Scavo di Tortorici che, secondo gli inquirenti, si sarebbero resi protagonisti di alcune azioni intimidatorie ai fini di estorsione, ai danni di alcuni imprenditori della zona tirrenica messinese, e il catanese Francesco Papa, mentre agli arresti domiciliari è finito il ventitreenne Chrsitian Saggio Scaffidi. L’operazione è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Patti d’intesa con il comando provinciale.

 

Leave a Response