Alì Terme. Sequestrata nel torrente discarica abusiva

ALI’ TERME – Gli uomini del Corpo forestale del distaccamento di Savoca, che hanno agito sotto le direttive del commissario Concetto Scarcella, hanno sequestrato un’area nel comune di Alì Terme che, secondo quanto emerso dagli accertamenti, veniva utilizzata a discarica. La zona interessata si allunga sulla sponda destra del torrente Alì, ad una decina di metri dal piloni del viadotto autostradale. La superficie sequestrata è di circa 6 mila metri quadrati. Nell’area erano stati depositati, stando a quanto accertato dalla Forestale, materiali ferrosi e di risulta, inerti e plastica.
Secondo gli uomini del Corpo Forestale la discarica sarebbe stata realizzata abusivamente da una impresa che sta eseguendo lavori di sistemazione idrogeologica per conto del Comune e che prevedono anche, come da progetto regolarmente approvato dagli uffici preposti, una pista di cantiere sopraelevata rispetto al letto del fiume. E proprio quella pista, secondo i riscontri del Corpo forestale, sarebbe stata utilizzata a deposito di materiali vari. Denunciato alla magistratura il rappresentante legale dell’impresa.
Il sindaco di Alì Terme, Lorenzo Grasso, ritiene che la vicenda adesso va chiarita nelle sedi opportune, visto che in quell’area – ha aggiunto – non è mai esistita nessun tipo di discarica. «Solo cocci di mattoni frantumati e calcinacci e un paio di pneumatici», aggiunge il sindaco. «Non vorrei che in attesa della definizione della questione, i lavori si blocchino e ciò significherebbe per noi un grosso problema perché la ditta non sarà in grado di rispettare i tempi che includono pure i relativi collaudati e il rendiconto economico. In pratica potremmo correre il rischio di dover restituire i soldi alla Comunità europea, che ha finanziato le opere idrogeologiche nel torrente Alì consistenti nella costruzione di muri d’argine sulle due sponde del torrente. Per questo – ha chiuso Grasso – chiederò un parere legale nell’interesse dell’amministrazione comunale».

Leave a Response