Taormina. In Consiglio i primi tre mesi di governo

TAORMINA – Domani, martedì 30 settembre, il sindaco, Mauro Passalacqua, avrà la possibilità di illustrare al Consiglio comunale, e quindi alla città, il lavoro svolto dalla sua amministrazione dal giorno del suo insediamento ad oggi. L’ordine del giorno urgente dell’assemblea cittadina, firmato dal presidente Eugenio Raneri, prevede solo due punti all’ordine del giorno: Ricognizione sullo stato d’attuazione dei programmi e verifica di salvaguardia degli equilibri generali di bilancio. In pratica, da domani, il Consiglio tenterà di mettere in chiaro “lo stato dei lavori” di Palazzo dei Giurati. I consiglieri, tra l’altro, avranno la possibilità di “interrogare” il sindaco, chiedendo informazioni di prima mano, su quanto fatto sinora dal governo attivo della città. Probabilmente, quindi, Passalacqua sarà chiamato a svolgere una relazione, per esempio, su argomenti come, la raccolta rifiuti solidi urbani ed i rapporti con MessinAmbiente, il completamento del piano parcheggi a cominciare di quello di Porta Pasquale ma senza dimenticare che manca ancora lo stato il definitivo “fine lavori” per il “Lumbi” ed il “Porta Catania”. Potrebbe anche darsi che il Consiglio affronti argomenti come il PRG ed il Lodo Impregilo. A Passalacqua, probabilmente, sarà chiesto di illustrare la questione della casa da gioco e l’ipotesi d’accordo con il casinò di Venezia ed il mini casinò. Insomma gli argomenti da affrontare non mancano. Il Consiglio comunale, inoltre, alla presenza d Passalacqua,  avrà modo di parlare anche del bilancio, esercizio finanziario 2008. Un argomento, questo, che è da considerare un vero e proprio problema alla luce della complessa ed intricata situazione economica in cui versa il comune.
La posizione del primo cittadino e del suo governo, nel corso dei lavori consiliari di domani, in ogni caso, finirà sotto la lente d’ingrandimento dell’opposizione che, proprio alla fine delle “vacanze” estive ha dato il via ad una vivace attività di contestazione nei confronti del sindaco e della sua giunta. E’ di soli tre giorni fa il comunicato congiunto del Pdl e dell’UDC che hanno voluto indicare quali sono, a loro giudizio, le incongruenze ed i ritardi nell’opera di governo dell’amministrazione Passalacqua. I due partiti, nella loro lista, hanno inserito, tra l’altro, argomenti come la crisi turistica, le mancate risposte ai cittadini più deboli, la casa di riposo, il rimescolamento dei dirigenti comunali, Taormina Arte, Fondazione Mazzullo.
E’ più recente la presa di posizione di “Taormina domani”, movimento politico senza rappresentanti in Consiglio comunale ma vicino alle posizioni dell’opposizione e dell’onorevole Carmelo Briguglio candidato sindaco battuto da Passalacqua.
“La nostra posizione –dice Salvatore Coslovi, coordinatore del gruppo- è nelle grandi linee parallela a quella di Pdl ed Udc. Secondo la nostra analisi, infatti, l’amministrazione attiva non ha raggiunto nessuno dei punti annunciati in campagna elettorale. E’ in netto ritardo. Il fatto più clamoroso è quello che riguarda la tanto pubblicizzata “taormenesità”. Passalacqua non ha tenuto conto delle indicazioni segnate nel suo piano amministrativo, ha cambiato la lista degli assessori per nominare in giunta non taorminesi. In qualche maniera ha ingannato, e non solo politicamente, gli elettori. Non si può, altresì, non sottolineare che a tre mesi dall’insediamento sono ancora bloccate, perché non è stata fatta la nomina dei responsabili, la Commissione Edilizia (punto nevralgico per quanto riguarda uno dei settori più delicati della vita cittadina) e la Fondazione Mazzullo (che nei programmi dovrebbe ricoprire un ruolo determinante nel piano di rilancio delle attività culturali). A proposito di edilizia, poi, il sindaco e la sua giunta non si sono, ancora, pronunciati sul programma PRUUST che prevede la realizzazione di alberghi per quasi 5000 nuovi posti letto. Un bilancio, a tre mesi, che non si può non giudicare fallimentare”.

Leave a Response