S. Teresa. I 50 anni della chiesa di Portosalvo

S. TERESA DI RIVA – Così come accaduto per i festeggiamenti in onore della Madonna del Carmelo, Patrona di S. Teresa di Riva, quella di quest’anno sarà una ricorrenza particolare anche per la festa dedicata alla Madonna di Portosalvo. Cinquant’anni fa, infatti, veniva inaugurata la nuova chiesa intitolata a S. Maria di Portosalvo. Un avvenimento che sarà ricordato con la pubblicazione di un opuscolo a cura dell’arch. Salvatore Coglitore, la memoria storica del paese, che attraverso documenti e foto d’epoca ripercorre la storia della chiesa. Fatto stampare in 250 copie dal Comitato Parrocchiale, il volumetto è aperto dall’introduzione di Padre Roberto Romeo, dal novembre del 2006 a capo della parrocchia di Portosalvo. “Torna gradita – scrive Padre Romeo – la pubblicazione dell’amico Salvatore Coglitore che, con dire semplice, ripercorre i momenti salienti della storia di questa comunità cristiana. “Un popolo senza memoria non è neppure un popolo”: la memoria del passato richiamo al presente la forte e tenera devozione dei padri alla Madre di Dio”. L’attuale chiesa di Portosalvo sorge sulle ceneri di una cappella privata del Conte Quintana. Il 31 dicembre 1943 la chiesetta fu eretta a parrocchia ma ben presto si sentì l’esigenza di ampliarla perché piccola e poco funzionale. “Durante la celebrazione della Sante Messe domenicali e nelle ricorrenze religiose festive – spiega l’arch. Coglitore – le persone dovevano sostare fuori, nella piccola piazzetta antistante la chiesa, che tra l’altro non era più agibile in quanto il tetto era pericolante. Non si poteva però ampliare perché ai lati sorgevano due edifici. Venne così scelto il terreno dei Caminiti, che prospettava sulla via Francesco Crispi. Le proprietarie – continua Coglitore – la signora Carmelina Caminiti-Velardi e le figlie Maria e Giovanna non solo non si opposero ma addirittura donarono il terreno”. La chiesa fu progettata dall’ing. Giovanni Crinò di Furci (lo stesso che progettò la chiesa Madonna del Carmelo) e i lavori iniziarono nel 1952. Non senza tante difficoltà, la prima messa si potè celebrare l’11 febbraio 1958, alla presenza del vescovo mons. Angelo Paino. Quest’anno dunque ricorrono 50 anni dalla sua edificazione. Un evento che sarà ricordato durante i festeggiamenti che culmineranno sabato con la tradizionale processione in mare e domenica con il giro del fercolo per le vie del quartiere.

Leave a Response