Taormina. I papaboys di ritorno dall’Australia

TAORMINA – Sono stati a Sidney per una settimana, in occasione del Mif (Marist International Festival) e della “Giornata dei giovani 2008”. Si tratta di alcuni ragazzi del Liceo Classico dei Fratelli Maristi di Taormina. Accompagnati da Fratel Claudio Zacchi, a seguire le giornate del Papa, c’erano Giorgia Rizzo, Enrico Buda, Paolo Restuccia Valerio. Si sono mischiati agli altri 450.000 ragazzi di tutto il mondo per maturare un’esperienza formativa, che li accompagnerà per tutta la vita. “Hanno avuto modo – commenta Fratel Claudio- di sperimentare un modo diverso di vivere la fede, più coinvolgente, che apre gli occhi sulla Chiesa”. In totale, a Sidney c’erano 700 i ragazzi dei gruppi maristi italiani che, accomunati da spiritualità ed educazione. Durante la loro permanenza in  Australia, hanno incontrato personaggi come Fratel Cesar, osservatore Onu per i diritti dei bambini, il vescovo del Sudafrica, che opera accanto ai malati di Aids e il superiore generale dei maristi che li ha incoraggiati nel loro percorso. Per i ragazzi era la prima esperienza per Fratel Claudio, la terza. “I ragazzi- continua- sono rimasti entusiasti soprattutto per la presenza di così tante persone, che insieme in uno spazio enorme, all’aperto, col Papa hanno trascorso una giornata di preghiera, poi hanno dormito sotto le stelle e, il giorno dopo, assistito alla messa. Tre i momenti forti, che li hanno colpiti: l’arrivo del Papa alla baia di Sidney, la via crucis e la catechesi con il Vescovo”.

Leave a Response