Messina. L’Mpa ritira dalla Giunta l’Aliberti

L’ on  Cateno De Luca  ha chiesto a Pinella Aliberti, assessore nominato dal sindaco Buzzanca, di non prestare giuramento fino a quando la PDL  non rispetterà l’accordo politico sottoscritto con l’ MPA e l’UDC che ha garantito la vittoria al primo turno di Buzzanca al Comune di Messina e di Ricevuto alla Provincia di Messina.
“ Non è condivisibile –  dichiara De Luca – che la schiacciante vittoria al primo turno abbia fatto  impazzire  alcuni esponenti della coalizione al punto tale da cancellare in una notte le motivazioni politiche che hanno garantito a Buzzanca di fare il Sindaco di Messina ed a Ricevuto di occupare lo scranno della Presidenza della Provincia: il patto politico – elettorale sottoscritto dai rappresentanti della PDL, MPA ed UDC  deve essere rispettato da tutti i partiti della coalizione e nei confronti di tutte le varie componenti delle forze politiche che hanno consentito di vincere le elezioni amministrative”.
“ A Messina – prosegue De Luca – l’ MPA , con tutte le varie componenti, è stato corretto e determinante per strappare la città di Messina dalle grinfie del Centrosinistra ed ha dimostrato grande senso di responsabilità e disponibilità ritirando la qualificante candidatura dell’on Carmelo Lo Monte a Presidente della Provincia senza nulla chiedere in cambio se non un concreto e sincero progetto di sviluppo della città e della provincia di Messina: non è corretto essere ripagati con questa moneta offendendo i messinesi che votando MPA sono stati determinanti per la epocale vittoria ottenuta”.
“ Non accetto – continua De Luca – la inelegante provocazione della nomina ad assessore di Pinella Aliberti da parte del Sindaco Buzzanca che ringrazio per la fiducia ad personam ma che stigmatizzo sotto il profilo politico: domani l’assessore Aliberti non presterà giuramento e se la coalizione non ritornerà sui propri passi si dimetterà da una giunta che non rappresenta i messinesi che hanno eletto il sindaco buzzanca”
“ Mi auguro – conclude De Luca – che anche l’UDC si renda conto della inutilità di diventare ostaggi politici di un sistema che prima di tutto deve ricambiare con lealtà e correttezza la fiducia dei messinesi che credono ancora che la politica sia servizio per la collettività e non appagamento di appetiti banditeschi e parassitari “ 

Leave a Response