Furci, 71enne precipita dal balcone e muore

FURCI SICULO –  Si era dimenticato la chiave del proprio appartamento dentro casa e per entrare si è calato dalla terrazza tenendosi per una corda, ma ha perso l’equilibrio ed è piombato sull’asfalto dopo un volo di parecchi metri. Trasportato al Policlinico di Messina è morto poco dopo a seguito di una emorragia interna. Si chiamava Nunzio Caminiti ed aveva 71 anni. Viveva con la famiglia in via Amerigo Vespucci. La tragedia poco prima delle 10,30. Il pensionato si era dimenticato le chiavi di casa dentro e per entrare nella propria abitazione aveva escogitato di calarsi dal terrazzo. L’umo ha preso una corda nel garage e l’ha legata al balcone della terrazza, facendola penzolare fino al primo piano. L’intenzione era quella di aggrapparsi fortemente con le mani alla fune e poi di scivolare lentamente fino al balcone della sua abitazione. Appena ha scavalcato la ringhiera, ha perso però l’equilibrio, precipitando da un’altezza di sei metri. Quando sono arrivati i medici del 118 di S.Teresa di Riva, Nunzio Caminiti non aveva perso ancora conoscenza: presentava fratture multiple all’anca, alle costole, al braccio e abbondante perdita di sangue. E’ stato chiesto l’intervento dell’elisoccorsoa. Una volta giunto al Policlinico, Nunzio Caminiti è stato sottoposto ad una serie di accertamenti. Ma nella caduta, il pensionato di Furci si sarà lacerata qualche arteria, perché mentre i medici erano impegnati nelle cure è morto, si presume per trauma dei vasi arteriosi addominali

Leave a Response