S. Teresa, cala il sipario sull’Unitre

S. TERESA – Si concluderà sabato sera, presso la sede di Villa Crisafulli-Ragno, l’attività dell’Università della Terza Età sezione di S. Teresa di Riva. Nelle ultime settimane si sono succedute lezioni, conferenze e dibattiti su temi socio-culturali e scientifici di notevole interesse. L’appuntamento conclusivo di questo anno accademico si svolgerà come di consueto dalle 18 alle 20. Si parlerà ancora di sport della mente, ma questa volta il prof. Sebastiano Di Bella, presidente dell’Unitre santateresina, dopo la lezione sugli scacchi di qualche settimana fa tratterà il gioco della dama. Seguirà una breve lezione di agronomia del Prof. Gaetano Moschella che interverrà sul tema:”Conoscenza dell’ulivo”. L’ingresso, per l’occasione, è libero.
Sabato scorso era toccato alle relazioni del dott. Walter Bramanti (Cav. Di Gran Croce della Repubblica Italiana) e del prof. Francesco Trimarchi (Ordinario di Diritto Amministrativo all’Università di Messina), rispettivamente su: “L’essere donna oggi” e “Principio democratico, legalità ed efficienza nel funzionamento delle amministrazioni”.
Il dott. Bramanti ha raccontato come negli ultimi tempi si registrino nel mondo sempre più spesso situazioni che vedono la donna alla ribalta.
Il relatore ha spiegato che vi è, di fatto, una rivoluzione storica senza precedenti, rispetto ai tempi in cui la donna era solo un oggetto e per giunta un oggetto secondario. Oggi la prospettiva si è ribaltata. In relazione alla ricchezza interiore, alla capacità, alle doti tipicamente femminili – ha precisato Bramanti – le  donne potranno indubbiamente dare un contributo ed un impulso a migliorare la società. Le donne giorno dopo giorno saranno protagoniste, e non più comparse,  del vivere, elevando la dimensione umana dell’intero tessuto sociale, anche in termini di sensibilità, di conciliazione e di progresso nelle vie della pace.
Ha riscosso un grande successo anche la  relazione del prof. Francesco Trimarchi. Il docente universitario ha trattato i principi generali dell’ordinamento italiano che regolano il funzionamento delle amministrazioni. Ha iniziato parlando del principio di democrazia e dell’evoluzione storica degli ordinamenti degli stati, nel passaggio dallo stato assoluto a quello di diritto e rappresentativo, ha puntualizzato il rapporto tra democrazia e principio di legalità, soffermandosi sul valore del rispetto della legge sia sul piano dell’organizzazione degli apparati centrali e locali sia sul terreno della concreta attività da essi svolta. Il prof. Trimarchi ha concluso toccando i temi del rapporto tra politica e amministrazione e del federalismo amministrativo.

Leave a Response