A Messina ci vorrebbero altre tappe del Giro

MESSINA – Ci vorrebbe una tappa del Giro d’Italia a settimana una visita del Pontefice l’anno per riqualificare la nostra città. Maurizio Arcigli, candidato alle prossime elezioni amministrative nella lista “Con Francantonio per Messina”, interviene in merito ai lavori effettuati dal Comune per far fronte al passaggio dei ciclisti impegnati nella tappa Catania-Milazzo.
In ossequio al prestigio dell’evento ciclistico nazionale, l’amministrazione comunale ha tempestivamente effettuato degli interventi per sistemare il manto stradale. In particolare, qualche giorno prima della tappa, le strade di Ganzirri sono state chiuse senza utile preavviso, causando danni sia agli esercenti sia ai residenti della zona.
Il sottoscritto chiede, dunque, al Commissario straordinario del Comune di Messina, Gaspare Sinatra, come sia possibile che l’amministrazione intervenga in Città solo durante i giorni di ribalta nazionale e senza preavviso, come accaduto qualche anno fa durante la visita del compianto Papa Giovanni Paolo II quando, per la prima volta, a Messina vennero realizzate delle aiuole con la messa a dimora di innumerevoli alberi e prati inglesi. Questo comportamento dimostra, ancora una volta, come la politica messinese ignori le istanze provenienti dal territorio, intervenendo solo durante i grandi eventi di carattere nazionale.

Leave a Response