Messina. Smantellato clan mafioso, 18 arresti

MESSINA – Duecento tra carabinieri e poliziotti, impegnati in un’operazione congiunta a Messina, hanno eseguito diciotto ordinanze di custodia cautelare in carcere (nella foto gli arrestati) nei confronti di presunti esponenti del clan mafioso di Rosario Tamburella. Le accuse nei loro confronti sono usura, estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Le indagini, coordinate dalla Dda di Messina, sono state avviate in seguito a una serie di estorsioni e atti intimidatori avvenuti a partire dal novembre del 2006 nei confronti di alcuni commercianti e piccoli imprenditori del centro di Messina.
Nel corso delle indagini sono emersi anche una serie di reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’operazione sono impegnate anche unità cinofile e il nucleo elicotteri della Regione Carabinieri Sicilia.
Gli arrestati sono Rosario Tamburella, 49 anni, Concetto Aloisi, 57, Luciano Brigante, 29, Yvan Brizzi, 27, Carmela Catrini, 33, Giovanni Fusco, 51, Vincenzo Grazioso, 34, Giuseppe Lo Presti, 36, Letterio Lo Presti. 29, Letterio Morabito, 58, Antonino Pandolfino, 25, Salvatore Strano, 34, Annunziato Radesi, 27, Cono Surace, 26, Francesco Tamburella, 24, Giuseppina Tamburella, 26, Alessandro Virzì 22, e Arturo Marabello, 34 anni.
Gli arrestati sono accusati a vario titolo di estorsione, tentata estorsione, usura e spaccio di sostanza stupefacenti. Il sodalizio criminale era guidato da Rosario Tamburella sorvegliato speciale già arrestato per estorsione e usura e personaggio di spicco dei clan operanti nella zona sud della città.
 

Leave a Response