Gallodoro. Danno all’erario, in 31 a giudizio

GALLODORO – Citazione in giudizio della Procura regionale della Corte dei conti: 31 persone, tra amministratori locali, tecnici e funzionari regionali, dovranno comparire davanti ai giudici contabili il 23 settembre per un presunto danno erariale da 3 milioni di euro alle casse del comune di Gallodoro, finito in dissesto finanziario nel 2005 per un maxi-debito da 6 milioni e mezzo di euro. Tra le persone coinvolte, l’ex sindaco Salvatore Melita, per il quale il pm Gianluca Albo ha chiesto la condanna a risarcire quasi 600mila euro, gli ex assessori Pietro Carpita e Pietro Allegra (150mila ciascuno), l’ingegnere capo dei lavori Giuseppe Giovinetto (300mila), una ventina di ex componenti del Comitato tecnico amministrativo regionale (450mila da dividere in quote differenti). Ma la «posta» più consistente riguarda l’ex progettista e direttore dei lavori dell’opera, l’ingegnere Alfio Torrisi, chiamato a sborsare un milione di euro. A mandare in tilt le finanze del piccolo comune era stato il contenzioso sorto per la mancata realizzazione di un appalto per la
anche perché il mancato rispetto dei tempi per la realizzazione dell’opera aveva fatto sfumare definitivamente il finanziamento statale. Sulla vicenda erano state aperte anche due inchieste penali, concluse la prima con l’archiviazione e la seconda con la dichiarazione del non luogo a procedere.

Leave a Response