Piano territoriale, più attenzione per la Jonica

MESSINA – Prosegue il dibattito in aula alla Provincia sul Piano territoriale di sviluppo. I consiglieri della fascia jonica chiedono maggiore attenzione per un’area “bisognosa di strategie  concrete”. Giuseppe Lombardo (An), ha presentato dieci emendamenti, puntando innanzitutto l’attenzione sulla viabilità nel comprensorio che va da Scaletta Zanclea a S. Alessio Siculo. “E’ necessario – ha detto nel suo intervento Lombardo – inserire nel piano il collegamento dei lungomare jonici. La Statale non sopporta più il traffico caotico, in particolare nei mesi estivi ed una via alternativa è divenuta ormai di fondamentale importanza”. Un altro dei dieci emendamenti di Lombardo riguarda il tanto agognato svincolo autostradale tra S. Alessio Siculo e S. Teresa di Riva “che snellirebbe il traffico a S. Teresa, Furci Siculo e all’ingresso dello svincolo di Roccalumera, dove nei mesi estivi si riversano le numerose auto dei vacanzieri che si recano nei centri jonici”. Il dibattito ha puntato anche l’attenzione sulla “Via dei castelli e dei conventi basiliani”. A Partire dalla valorizzazione del castello Rufo Ruffo di Scaletta Zanclea e di quelli che sorgono a S. Alessio Siculo e Forza d’Agrò. Due le opere brasiliane di grande rilevanza storica e ricadono nei territori di Casalvecchio Siculo e Itala. L’ultimo, ma non in ordine di importanza, degli emendamenti presentati da Lombardo riguarda il secondo approdo nel progetto del porticciolo che dovrebbe sorgere a Villagonia. “Perplessità” sono state evidenziate da un altro consigliere provinciale Jonico, Filippo Isaia (Pd). “Si sta puntando troppo l’attenzione – ha detto – sull’area dello Stretto e sul progetto dell’aeroporto nella valle del Mela. Opere importanti ma a mio avviso non prioritarie. Si potrebbe intanto migliorare la viabilità per rendere maggiormente fruibile le strutture già esistenti”. Isaia chiede maggiore attenzione per il settore turistico “in virtù delle potenzialità offerte da Taormina e dal vicino Etna” e per “le priorità del territorio a partire dal dissesto idrogeologico. In aula, nonostante l’importanza dell’argomento, erano presenti solo 27 consiglieri su 45. Dei 7 della riviera jonica ne erano presenti solo 3. La replica del presidente della Provincia Salvatore Leonardi è in programma domani. Seguirà il voto.

Leave a Response