Messina, ricordato lo sterminio degli ebrei

MESSINA – In occasione della “Giornata della Memoria”, il Commissario regionale del Comune di Messina, Gaspare Sinatra, ha deposto una corona d’alloro con il nastro giallorosso dei colori della città, al monumento ai caduti di piazza Unione Europea. “Messina – ha sottolineato il commissario Sinatra – ha voluto così ricordare, come nelle altre città
del Paese, lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani, militari e non, che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”. Un patrimonio di memorie per rinsaldare i legami tra generazioni diverse. Conoscere e ricordare la Shoah può essere di valido aiuto per meglio comprendere le ramificazioni del pregiudizio e del razzismo; per realizzare una pacifica convivenza tra etnie, culture e religioni differenti.“Ricordare – ha aggiunto Sinatra – significa riprendere in considerazione eventi passati per capirne le cause, per verificarne l’influenza nella società odierna, per rinnovare l’impegno ad una comune azione, perché tale passato non debba più ripetersi. Sant’Agostino sosteneva che  ‘l’amore uccide ciò che siamo stati, perchè si possa essere ciò che non Eravamo’; Auschwitz, Mathausen, Bergen o Birkenau, rappresentano pagine di follia contro la diversità, ma sono anche pagine di memoria che occorre custodire per evitare il ripetersi di quelle tragedie e che ci indicano un percorso di speranza”.

Leave a Response