A Nizza il sottosegretario di Stato Rosato

NIZZA DI SICILIA – Il presidente del Consiglio dell’Unione dei Comuni “Valli Joniche dei Peloritani”, Antonino Muscarello (nella foto), ha rivolto un invito al sottosegretario di Stato Ettore Rosato a presenziare a fine mese a Nizza di Sicilia e Roccalumera ad una riunione dei 18 Comuni che fanno parte del Consiglio dell’Unione per discutere su varie problematiche. In una lettera inviata al sottosegretario Rosato, Muscarello evidenzia che ”in provincia di Messina, da qualche anno, si è costituita l’Unione dei Comuni “Valli Joniche dei Peloritani” che, per Amministrazioni locali coinvolte (ben 18), territorio di competenza e cittadini residenti (circa 40.000) rappresenta la più grande Unione di Comuni della Sicilia ed è sicuramente tra le maggiori in Italia. Tante le aspettative e la fiducia che su questa Unione ripongono cittadini ed amministratori e diversi sono anche i problemi di questo territorio, in particolare quelli legati alla protezione civile (il nostro territorio è stato colpito nel novembre scorso da un forte nubifragio che ha portato il Governo nazionale a decretare lo stato di emergenza per i territori coinvolti), sicurezza, viabilità, ecc. Da considerare – si legge nella lettera di Muscarello – che su questo territorio è attivo un distaccamento provvisorio del Corpo dei Vigili del fuoco che deveservire un vastissimo territorio, diversificato e che presenta tante emergenze in una zona che, per la vicinanza con Taormina e con Messina in estate diventa polo turistico di notevole attrazione.
 ”Per discutere di tutto ciò – scrive Muscarello – e dei problemi e delle aspettative di questo territorio e dell’Unione dei Comuni,  su sollecitazione del consigliere Giacomo D’Arrigo che ha proposto tale iniziativa, la vorremmo invitare ad essere presente il 26 gennaio 2008 presso il comune di Roccalumera, dove è ubicato il distaccamento provvisorio dei Vigili del fuoco, al fine di realizzare un sopralluogo che permetta di valutarne l’attività, le strutture e l’ipotesi di trasformazione in presidio stabile. Successivamente quindi, incontrare, presso l’aula consiliare del comune di Nizza di Sicilia gli amministratori del comprensorio per ascoltare idee e proposte da far pervenire al Ministro dell’Interno ed al Governo nazionale”.

Leave a Response