Nubifragio mette in ginocchio l’hinterland taorminese

GIARDINI NAXOS – Il violento nubifragio abbattutosi la scorsa notte sull’hinterland taorminese ha provocato ingenti danni e una serie di notevoli problemi sulle strade provinciali. E’ piovuto con intensità  incessante da ieri sera fino alle prime ore di questa mattina. Si sono formati così veri e propri fiumiciattoli. La più colpita è Giardini Naxos dove l’acqua impetuosa ha messo in ginocchio l’intero centro abitato, soprattutto nella zona di Recanati invasa da alcuni torrenti limitrofi che hanno trasportato un enorme quantità di fango e detriti. Numerose le abitazioni e i negozi a pianterreno dove l’acqua ha superato il mezzo metro. Problemi anche in diverse frazioni di Taormina. La strada per Mastrissa è semidistrutta, mentre è difficoltoso raggiungere Castelmola per una serie di smottamenti che hanno invaso la carreggiata. Alla foce del torrente Sirina, tra i comuni di Giardini e Taormina, la furia dell’acqua ha trascinato sulla spiaggia due auto una delle quali recuperata dai vigili del fuoco mentre altre due autovetture nella zona Chiusa sono rimaste sepolte dai detriti. A Spisone-Baia Sirene è andato in tilt l’impianto di sollevamento dell’impianto fognario, il lido balneare Naxos è stato trasformato in un pantano. Gran lavoro dei vigili del fuoco per liberare locali e strade dalla fanghiglia. Decine le chiamate ai centralini dei pompieri e delle forze dell’ordine. Si lavora incessantemente per riportare la situazione alla normalità. Nel primo pomeriggio le condizioni del tempo sono migliorate. Da una prima stima, i danni ammonterebbero a migliaia di euro. Maltempo con pioggia e vento anche sugli altri paesi della riviera ionica.

Leave a Response