Taormina, chiesta da due consorzi gestione Isolabella

TAORMINA – I Consorzi per il ripopolamento ittico, “Taormina” e “Peloritani ionici” enti nati a seguito di una legge regionale, hanno, congiuntamente, fatto formale richiesta per la gestione della Riserva Naturale Orientata di Isolabella.
Ne hanno dato notizia i commissari straordinari dei due Consorzi,  Oreste La Torre ed Aldo Cerreti che entro il prossimo 30 ottobre presenteranno alla Regione un articolato piano redatto in base alle “competenze sotto il profilo squisitamente ambientale sul tratto di costa taorminese e segnatamente sulla zona di Isolabella” che i due enti hanno acquisito.  Secondo i due commissari, i Consorzi Ittici, che hanno sede a Nizza di Sicilia e Giardini Naxos, sono dotati di: “Attrezzature, mezzi, personale e di uffici operativi sul territorio. Inoltre operano in sinergia con le Università per la ricerca scientifica, con le ASL per il monitoraggio delle acque e sono, altresì dotati di esperti e consulenti affermati che da tempo operano nel settore”.
Gli aspiranti alla gestione dell’Isolabella, adesso, sono diventati 4, vale a dire i due Consorzi, il WWF, la Fondazione Cousteau e la Provincia regionale di Messina.

Leave a Response