L’on. Ballistreri: tagliare i super stipendi regionali

“Dai Commis ai Commissari e vedremo quanto la Regione Sicliana risparmierà escludendo i superstipendi, spesso elargiti per vere sine cura, ai membri di Consigli d’Amministrazione di enti pubblici”.
  A parlare è il capogruppo di Uniti per Sicilia,Maurizio Ballistreri, che riprende un tema a lui caro e più volte ribadito quando si è soffermato, l’esponente dello Sdi all’Ars, sulla spesa sanitaria nell’Isola e ha “suggerito” la rimozione di manager e dg da sostituire con funzionari regionali a costo zero. Più in generale, adesso, Ballistreri propone che “la
legge finanziaria regionale prossima ventura prenda esempio da quella nazionale la quale taglierà i Cda di Poste, Rai e Ferrovie, fra gli altri, e vari una norma che obblighi al commissariamento perenne degli enti di proprietà o controllati dalla Regione: in pratica, al posto di nutriti consigli d’amministrazione, un amministratore unico da individuare in un funzionario regionale… a stipendio inalterato. Il risparmio sarebbe talmente notevole – conclude Ballistreri – da permettere la destinazione di nuovi fondi a iniziative legislative basilari quali, per esempio, la legge per le vittime del racket delle estorsioni e cominciare a colmare i buchi nella Sanità isolana”.
   

Leave a Response