Taormina, i vertici generali del commercio a confronto

TAORMINA –  A Taormina gli stati generali del commercio siciliano. Nella seconda decade di ottobre si terrà infatti nella capitale del turismo siciliano, la Conferenza regionale del Commercio, promossa dall’assessore regionale alla cooperazione, on. Nino Beninati. L’incontro è stato fissato l’altro ieri a Palermo nel corso di una riunione promossa dallo stesso Beninati all’assessorato, con i vertici di Camera di Commercio, Confcommercio, Confesercenti e Union Camere Sicilia. Durante i lavori, ai quali ha partecipato anche il capo di gabinetto dell’assessore, Ambrogio Castiglione, è emersa la necessità di mettere a fuoco le problematiche del commercio siciliano, alla luce anche delle innovazioni introdotte dalle recenti normative ed in particolar modo dalla legge Bersani che in Sicilia non trova completa attuazione. Alla Conferenza che si terrà al Palacongressi, parteciperanno oltre ai rappresentanti delle principali associazioni di categoria, amministratori e dirigenti di Province e Comuni siciliani. Sarà l’occasione anche per parlare dei Centri commerciali naturali, previsti dalla legge quale difesa dei piccoli esercenti dalla grande distribuzione, ma anche del Testo unico per il commercio che l’assessore Beninati intende realizzare per snellire un settore che ancora comprende parecchie norme ormai superate e datate che vanno rilette. “Ritengo che si tratti di un appuntamento molto importante – ha detto l’assessore Beninati – anche alla luce delle possibilità previste dal Por 2007-2013 per il settore del commercio. C’è poi la questione del decreto Bersani che va definita in maniera chiara. Come assessorato, recentemente, supportati da un parere dell’ufficio legislativo e legale abbiamo emesso una circolare che chiarisce una volta per tutte che per tutto ciò che non è normato nella Regione siciliana si applica automaticamente il decreto Bersani. E’ chiaro il contrario: dove c’è una norma regionale di riferimento il decreto non si applica.

Leave a Response