Taormina. Presenze turistiche: il saldo torna attivo

TAORMINA – Torna il segno “più” nelle statistiche relative alle presenze turistiche di Taormina. Nel bollettino diramato oggi dall’Azienda Soggiorno e Turismo, per quanto riguarda il mese di luglio, è indicato un saldo positivo dell’1,31 per cento. E’ la seconda volta, nel 2007, che i tabulati registrano dati positivi. A marzo, rispetto allo stesso mese del 2006, si era avuta la crescita del 6,29. Negli altri mesi, invece, l’aveva fatta da padrone il segno meno. I mesi più “neri” si sono rilevati gennaio (-21,86 %) e febbraio (-22,52%). “Le nostre previsioni –commenta l’assessore al Turismo, Salvo Cilona- si sono dimostrate giuste: Taormina, su base annua, va verso una riconferma dei livelli occupazionali del 2006. La ripresa era già iniziata a giugno, quando le perdite si erano ridotte sino allo 0,16 per cento. A luglio, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, invece, siamo andati oltre. Ci attendiamo un saldo ancora più netto con le statistiche d’agosto”. Sul piano assoluto, in sette mesi, nelle strutture ricettive di Taormina si sono avute 558.082 presenze, che equivalgono ad oltre la metà di quelle dello scorso anno. “Ciò serve a dimostrare –continua Cilona- che siamo in netta ripresa”.
Il recupero, da un’analisi del bollettino dell’AAST su base annua, appare evidente. La forbice, rispetto allo scorso anno, si è ristretta di molto: dal quasi il -6 per cento dei mesi scorsi, si è passati, nei primi sette mesi di quest’anno, al -3,61%. “Il recupero –dice il vice sindaco, Eligio Giardina- è evidente. Vuol dire che il turismo taorminese non è affatto in crisi. Probabilmente, le perdite registrate nei mesi scorsi sono il segno di un diverso comportamento delle correnti turistiche nazionali e straniere. Nel bollettino dell’Azienda, per esempio, spicca, il + 16,00 per cento registrato negli esercizi complementari a quelli alberghieri. Probabilmente la clientela taorminese comincia ad apprezzare offerte diverse rispetto a quelle tradizionali. E’ stata una carta vincente l’aver avviato un progetto legato al turismo d’eccellenza. Mi riferisco alle diverse iniziative culturali che hanno caratterizzato l’estate taorminese. Mi riferisco al programma di Taormina  Arte e poi a due veri e propri eventi: la presenza a Palazzo Corvaja di due opere di Antonello da Messina (l’Annunciata e l’Ignoto marinaio) e la mostra, nella chiesa del Carmine, di 120 opere grafiche di Corrado Cagli”.
“Un altro dato importante –aggiunge Cilona- sono le presenze degli stranieri. Su base annua, siamo arrivati ad uno 0,08 per cento di crescita. Poca cosa, è chiaro, ma si tratta di un importante segnale, visto che a luglio la crescita ha sfiorato l’1 per cento”. Segnano significativi segni di crescita il mercato russo (+27,81%) e quello giapponese (0,99%). A far abbassare l’indice delle presenze, probabilmente, è la clientela tedesca che, di contro, è calata, sempre nei primi sette mesi dell’anno, del 12,99%.

Leave a Response