Messina, alla Fiera campionaria rivive l’opera dei pupi

MESSINA – Ogni sera, alla 68° Campionaria, rivive il mondo colorato e fantastico dei pupi siciliani.
Un successo scontato quello del teatro dei pupi manovrati da abilissimi artisti. Quella che va in scena sul palcoscenico allestito all’interno del padiglione 3, è un’autentica rappresentazione teatrale. A dare voce e anima ai pupi un piccolo esercito di manovratori. In campo ci sono due manianti (coloro che manovrano attraverso i fili gambe e braccia dei pupi), quattro parlatori che condiscono e infarciscono la storia come dei veri cantastorie e un capotesta, una sorta di capo tecnico. Anima del teatro dei pupi, che ha già avuto un successo straordinario nell’edizione di quest’anno di Artinfiera, è il maestro Tommaso Giannetto che ha acquisito il testimone dal puparo Francesco Cortese. Uno spettacolo di un’ ora e venti muniti in cui i bambini e i loro genitori restano incantati. In scena Orlando e Rinaldo (molto particolare il combattimento scritto da Martoglio ma riadattato da Giannetto) e Carlo Magno in fuga a Saragozza sotto le mentite spoglie di Mainetto. A fare da cornice alla rappresentazione l’esposizione dei pupi originali di Michele Cimarosa. Il più grande di questi pesa 89 chili. I cancelli della Fiera resteranno aperti ogni giorno, sino al 19 agosto, dalle 18 alle 24. Le biglietterie, apriranno sin dalle 17,30.
Unica eccezione il 15 agosto quando l’apertura sarà anticipata alle 16.
Questi i principali eventi della Campionaria:
Sino al 19 agosto, padiglione 1,  esposizione moto Valentino Rossi
Sino al 19 agosto (escluso sabato e domenica) terrazza ex Irrera a Mare, teatro del Gusto
Sino al 19 agosto, ogni sera, alle 20,30, padiglione 3, spettacolo dei Pupi del maestro Tommaso Giannetto.

Leave a Response