Alì, Filippo Pantò rieletto presidente del Consiglio

ALI’ SUPERIORE – Filippo Pantò è stato rieletto presidente del Consiglio. Si era dimesso un mese addietro dopo una accesa riunione consiliare che aveva successivamente decretato la ‘’cacciata’’ dalla Giunta del vicesindaco Pasquale Rosani. Un Pantò, dunque, che, confermando le previsioni, subentra a se stesso chiudendo, almeno per adesso, una fase politica dai contorni ancora tutti da decifrare. Il presidente ha ottenuto solo sei dei sette voti della maggioranza poiché il consigliere Filippo D’Angelo si è dissociato dal gruppo, assumendo una posizione autonoma. Seppure i consensi ottenuti da Pantò sono stati sufficienti per la sua elezione, c’è tuttavia da rilevare una frattura probabilmente insanabile nello schieramento che segue la linea politica del sindaco Di Blasi. Tutto questo a meno di un anno dalle elezioni amministrative. Assente per la minoranza Giuseppe Fiumara, che nella precedente seduta aveva ottenuto parità di voti con il rieletto presidente del Consiglio. Una parità che secondo i consiglieri di minoranza andava a vantaggio di Fiumara per  anzianità. Anche nell’ultima riunione lo schieramento minoritario rappresentato da Carmelo Satta, Salvatore Agnello e dal dissidente D’Angelo hanno ribadito la validità dell’elezione di Fiumara. Una tesi confutata dalla maggioranza che si è appellata a una circolare dell’assessorato regionale Enti locali e da due leggi regionali. Per protesta la minoranza e D’Angelo si sono astenuti dal voto. Altro risultato avrebbe avuto la votazione se il gruppo minoritario fosse stato presente al completo. Erano, infatti, assenti Filippo Grioli e Pacifico Roma perché fuori sede e, inspiegabilmente, Giuseppe Fiumara. I cinque voti della minoranza, infatti, uniti a quello di D’Angelo avrebbero consentito la parità. Se poi la protesta di Rosario Raneri, manifestata nella prima seduta non fosse rientrata, la stessa minoranza avrebbe potuto scegliere un proprio presidente. Intanto, il sindaco Titta Di Blasi, ha annunciato per stasera un comizio in piazza Duomo per comunicare alla cittadinanza i motivi che lo hanno indotto a revocare la delega al vicesindaco Pasquale Rosani e le fasi successive.

Leave a Response