“Arte per la pace”, studenti di Furci sbarcano a Teramo

FURCI SICULO – Un importante successo è stato colto dall’Istituto superiore di Furci Siculo, che è sbarcato a Teramo alla finale della manifestazione “Arte per la pace”, che viene organizzata ogni anno nella città abruzzese. Dopo aver superato la fase eliminatoria a Nicosia, i ragazzi della scuola furcese hanno avuto la possibilità di concorrere con altri istitui del resto d’Italia. Natalia Silvestro, Tindara Briguglio, Francesco Moschella, Alberto La Rosa e Onofrio Triolo, guidati dal regista Carlo Barbera, accompagnati dal  Preside Antonio Crisafulli e dagli insegnanti Vera Spadaro, Maria Ferrara e Michele Fiasco, hanno rappresentato lo spettacolo “I Puri di cuore”, scritto da Giuseppe Cavarra e Mario Rizzo, una cantata per la pace, che ha portato la scuola a partecipare a questa importante manifestazione. I ragazzi non hanno vinto il  premio, ma hanno sicuramente colto un grande successo, superando le eliminatorie ed entrando a far parte di un progetto, che, aldilà di tutto, li ha resi protagonisti di un momento di fondamentale socializzazione, dando loro la possibilità di aggiungere la propria voce al coro dei “No alla guerra”. Il preside Claudio Stazzone è riuscito finalmente a creare un significativo precedente con questo progetto, che sicuramente troverà proseliti nelle prossime stagioni scolastiche.
Il teatro a scuola è certamente un momento importante per lo scambio di esperienze e idee fra studenti e insegnanti, e così è stato, soprattutto quando si è saputo che il premio “Arte per la pace” è stato consegnato ad una scuola di Campobello di Licata. Infatti fra gli studenti dei due istituti è nata una splendida collaborazione, che li ha portati a sostenersi a vicenda con applausi scroscianti e con cori inneggianti: “Sicilia! Sicilia!”. E questo è quanto deve fare lo spettacolo nella scuola.

 

Leave a Response