Fiumedinisi, l’on De Luca propone ”Sicilia Vera”

FIUMEDINISI – Il deputato regionale del Movimento per l’Autonomia, Cateno De Luca, Sabato 31 marzo alle ore 10 al San Paolo Palace Hotel, a Palermo,  promuove una nuova associazione politico-culturale denominata “Sicilia Vera”. Con un unico obiettivo, chiarisce Cateno De Luca, quello di dar voce agli interessi dell’Isola, a partire dalla concreta applicazione degli stessi principi statutari della Regione Siciliana ed esaltando il principio di sussidiarietà nel governo delle Autonomie Locali. Un condensato di valori culturali, economici, politici ma soprattutto storici che rivendicano l’autonomia della Sicilia. Quella vera, ci tiene a precisare l’onorevole De Luca, che produce ricchezza e benessere, come strumento di riscatto della nostra identità. “Vera” è l’acronimo di ‘’Verso una Economia Regionale Autonoma’’, quale nuova metodologia di analisi e rilancio della Specialità dello Statuto Siciliano. “Non si è credibili – afferma De Luca – nel rivendicare l’Autonomia politica se non si hanno gli adeguati mezzi economici-patrimoniali e finanziari come l’immenso patrimonio immobiliare che il Governo Regionale ha iniziato a svendere”.
A quasi 24 ore dalla presentazione ufficiale dell’Associazione “Sicilia Vera”, il deputato regionale De Luca comincia a raccogliere numerose adesioni da parte di diversi parlamentari regionali. Ma anche diversi amministratori locali e dirigenti regionali di partito hanno preso i primi contatti col giovane deputato. Hanno confermato, inoltre,  la loro partecipazione il Sindaco di Palermo Diego Cammarata e il suo principale sfidante Leoluca
Orlando. Non si sono fatte attendere, però, le prime minacce del MPA che preannunciano, tra le righe l’ipotesi di una espulsione di De Luca dal partito di Lombardo.   
“Vado avanti – dice De Luca –  con grande determinazione perché, concordando con il compianto poeta Buttitta, ‘un populu diventa poviru e servu quannu ci arribbanu a lingua’.
Se l’MPA vuole togliermi anche la parola allora preferisco gustarmi in solitudine l’agro sapore della libertà di pensiero”.
Una nuova associazione, che secondo osservatori attenti, potrebbe diventare un vero e nuovo movimento politico.

Leave a Response