Francavilla. Facevano prostiuire ragazza, 4 a giudizio

FRANCAVILLA SICILIA – Facevano prostituire una ragazza ventunenne affetta da un lieve ritardo mentale. Lucravano denaro usando il suo corpo e la portavano addirittura in giro, per “servirla a domicilio” ai clienti che volevano approfittarne.
Ecco la squallida storia di cui s’è occupata ieri mattina il giudice dell’udienza preliminare di Messina Maria Eugenia Grimaldi, una vicenda scoperta a Francavilla di Sicilia nel maggio scorso dai carabinieri, che vede adesso coinvolte quattro persone con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, e per uno di loro anche di ripetuti abusi sessuali.
Si tratta di M.V., 38 anni, di Francavilla; D.A.M., 49 anni, madre della ragazza; G.P., 58 anni, di Taormina; S.V., 29 anni, marito della donna. A tutti e quattro l’accusa, ieri rappresentata dal pm Paola Santangelo, contesta lo sfruttamento della prostituzione; in più M.V., convivente della madre della ragazza, ne avrebbe per tre volte approfittato sessualmente.
Ieri il gup Grimaldi accogliendo le richieste del pm Santangelo ha deciso per tutti il rinvio a giudizio, ritenendo pienamente sussistenti le accuse a carico dei quattro.

Leave a Response