S. Teresa. Crisi al Comune, An gioca l’ultima carta

S. TERESA DI RIVA – E’ andata deserta la riunione del Consiglio comunale di S. Teresa di Riva in programma per ieri sera alle 19, 30 in prosecuzione. In aula si sono presentati solo i quattro consiglieri vicini al sindaco carlo Lo Schiavo (Nat Puglisi, Natale Rigano, Caterina Cannavò e Salvatore Sciacca), più il bartolottiano Nino Prestipino. In mancanza del numero legale la seduta è stata rinviata di altre 24 ore. Ma anche stasera la situazione non è destinata a mutare. Intanto ieri sera scadevano ii termini per l’approvazione dell’assestamento generale del bilancio, che è saltata definitivamente. In virtù della delicata crisi economica e politica, gli esponenti del Circolo di An, presieduto da Gianandrea Agnoni e del quale fanno parte l’assessore Rita Palella e il consigliere Nat Puglisi, hanno diramato un comunicato stampa con il quale annunciano di impegnarsi per avviare una serie di consultazione con i vari gruppi politici al fine di uscire dall’impasse. Questo il testo integrale:  “Il circolo di Alleanza Nazionale desidera portare a conoscenza di tutta la cittadinanza alcuni aspetti dell’attività politico-amministrativa del nostro Comune. Tra i punti in trattazione all’ordine del giorno della seduta del Consiglio Comunale del 29 novembre, spicca, per la sua importanza, la manovra di assestamento del bilancio per l’esercizio finanziario 2006. L’avanzo d’amministrazione accertato dagli uffici di Ragioneria del nostro Comune, in sede di conto consuntivo, è, per l’anno in corso, pari a circa 700 mila euro. La legge permette all’ente locale di utilizzare tali somme, attraverso apposita manovra finanziaria, fino al termine ultimo del 30 novembre. Questo consentirebbe, al di là delle spese obbligatorie da assolvere, di poter intervenire concretamente sul nostro territorio, realizzando delle opere che, con il solo utilizzo della spesa corrente, sarebbero impossibili. Gli esponenti del nostro partito all’interno dell’amministrazione auspicavano di poter impiegare almeno una parte di questa ingente somma per affrontare alcune annose problematiche di S.Teresa di Riva come, ad esempio:
• La sifonatura dei pozzetti fognari, eliminando così, i cattivi odori che fuoriescono dai tombini di diverse zone del nostro paese;
• La realizzazione dei nuovi loculi del cimitero per una degna sepoltura per i propri cari;
• Il completamento della pubblica illuminazione nei tratti di lungomare, sia a Bucalo che a Baracca, che risultano ancora sprovvisti.
Questo non è stato possibile.
La bozza di manovra finanziaria presentata dagli uffici non è stata neppure presa in considerazione dalle altre forze politiche, precludendo, di fatto, ogni sorta di dialogo che avrebbe portato alla realizzazione anche di uno solo dei nostri obiettivi o di quelli eventualmente proposti dagli altri gruppi consiliari, penalizzando ulteriormente il nostro comune.
L’atteggiamento pregiudiziale a cui abbiamo dovuto assistere, porta, di fatto, alla paralisi politico-amministrativa del nostro paese, bloccando ogni possibilità di crescita e sviluppo del territorio.
Questo è l’ultimo esempio di una politica ostruzionistica che ormai si protrae da diversi mesi e che penalizza soprattutto i nostri cittadini.
Al palesarsi della richiesta di rinvio della seduta consiliare al giorno successivo (30 novembre), il nostro consigliere Nat Puglisi ha espresso chiaramente, nelle proprie dichiarazioni, la volontà di sfruttare le 24 ore a nostra disposizione al fine di poter raggiungere un punto d’intesa, un accordo positivo e propositivo che, di fatto, avrebbe rappresentato una piccola ma importante svolta nel desolante panorama delle attività consiliari. Così non è stato. L’assenza dei consiglieri alla ripresa dei lavori ha, di fatto, precluso ogni possibilità di sfruttare una risorsa così rilevante, manifestando la ferma e risoluta volontà di bloccare l’amministrazione pubblica anche a scapito delle competenze che il Consiglio stesso dovrebbe esercitare. Questo stato di cose ci preoccupa considerevolmente dato che non sembra ci siano margini di discussione.
Alleanza Nazionale nelle persone dell’Assessore Rita Palella, del Consigliere Nat Puglisi e del Presidente del Circolo Gianandrea Agnoni si impegnano ad iniziare delle consultazioni con i rappresentanti dei gruppi consiliari presenti, alla ricerca di un intervento risolutivo che riesca a far superare l’impasse in cui l’amministrazione versa in questo ultimo periodo. Siamo certi di un positivo riscontro da parte dei gruppi coinvolti e rinnoviamo la nostra massima disponibilità a discutere qualunque argomento da cui poter trarre un proficuo giovamento per tutto l’ambiente politico-amministrativo”.

Leave a Response