S. Teresa, Sciacca: “Un tavolo per uscire dalla crisi”

S. TERESA DI RIVA – Seduta fiume del Consiglio comunale, ieri sera a S. Teresa di Riva. Quasi tre ore di riunione per discutere ed approvare solo 4 dei argomenti iscritti all’ordine del giorno. Il dibattito si è inasprito già quando il civico consesso ha letto ed approvato i verbali della precedente seduta. Per il resto, fino alle 22, 30, il Consiglio ha approvato all’unanimità (tranne uno, che ha visto dissociarsi il consigliere Sciacca) solo tre punti legati all’istituzione delle Commissioni permanenti. Il consigliere Nat Puglisi ha proposto di estrapolare e anticipare il quindicesimo punto all’ordine del giorno, inerente l’assestamento generale di bilancio-esercizio finanziario 2006 e pluriennale 2006-2008, per evitare la paralisi amministrativa. La sua proposta è stata condivisa solo dai 4 consiglieri vicini al sindaco Carlo Lo Schiavo: Sciacca, Rigano, Cannavò e lo stesso Nat Puglisi. Gli altri consiglieri si sono astenuti. A vuoto anche la richiesta di Salvatore Sciacca di sospendere la seduta per aprire un tavolo di lavoro al fine di affrontare la crisi politica per giungere, con o senza mozione di sfiducia, ad una soluzione definitiva della crisi. Il documento letto da Sciacca è stato sottoscritto solo da Salvatore Puglisi. Il Consiglio è stato aggiornato a questa sera. Per quanto riguarda la paventata mozione di sfiducia al sindaco Carlo Lo Schiavo, della quale si è tornato a parlare in questi giorni, sia Sciacca quanto Nat Puglisi si dicono “prudenti” e non danno per scontata la propria firma.

Leave a Response