Savoca, i Rumia si rivolgono al prefetto e al questore

SAVOCA – La signora Anna Pino, la donna di Savoca che aveva messo in vendita rene ed occhio per salvare dall’asta giudiziaria la casa in cui abita insieme al marito Aurelio Rumia  si è rivolta al Prefetto e al Questore di Messina. Assieme al marito chiede un intervento di solidarietà per l’incredibile vicenda  che vivono da oltre un decennio causata – scrivono testualmente nella missiva – da faccendieri e gente senza scrupoli. I coniugi Rumia avevano già avanzato la richiesta di intervento del Prefetto e del Questore con una lettera che era stata inviata anche al sindaco di Savoca e al ministro della Solidarietà sociale. Del caso si sta occupando da qualche settimana anche l’associazione “Solidarietà e legalità” che ha, tra l’altro, intrapreso iniziative di carattere legale. Una vicenda, quella dei Rumia, tutta da definire e che ha polarizzato l’attenzione dell’opinione pubblica della provincia di Messina.

Leave a Response