Messina. Esclusione lista Psi: Tar rinvia decisione

MESSINA – E’ stata posticipata al 6 novembre la discussione al Tar di Catania del ricorso presentato da Gianni De Michelis, leader del Nuovo Psi, contro l’esclusione della propria lista e del proprio candidato sindaco alle elezioni amministrative di Messina del novembre 2005.
A causare lo slittamento della sentenza del Tribunale amministrativo etneo, alcuni vizi procedurali e lo stato d’agitazione dei legali delle parti aderenti allo sciopero indetto contro la finanziaria varata dal Governo nazionale.
L’esclusione della lista del Nuovo Psi a Messina era stata determinata dallo stesso Tar di Catania al quale, durante il contenzioso nato con De Michelis sul possesso del simbolo del garofano rosso, si era rivolto Bobo Craxi, chiedendo l’esclusione della lista elettorale presentata sotto lo storico simbolo del Partito socialista. Il tribunale amministrativo etneo aveva accolto la richiesta di Craxi in via cautelativa, sino a quando la querelle non fosse stata risolta. Ma la sentenza romana che dava ragione a De Michelis sul possesso del simbolo ha posto quest’ultimo nella possibilità di ricorrere contro l’esclusione della propria lista.
Da circa un anno Messina e il suo sindaco, Francantonio Genovese (Margherita) vivono con una spada di Damocle sulla testa, nell’incertezza di vedere o meno annullate le elezioni.

Leave a Response