Giardini, l”Ombra di Dioniso” il 28-29 settembre

GIARDINI NAXOS – La Sicilia è una terra solcata da orme di antichi passaggi, da resti di mondi remoti ma ancora vivi e forti agli occhi e al pensiero di chi ha origine in questi luoghi e di chiunque ad essi si accosti.
La difesa e la valorizzazione dei siti classici e della cultura classica sono stati elementi determinanti, pur con esiti diversi, della politica turistica e culturale in Sicilia. Il territorio di Giardini Naxos, in tal senso, in ordine al dato storico che vede Naxos come la prima colonia greca di Sicilia, detiene un valore fortemente evocativo, ove il richiamo ancestrale del luogo ben si coniuga, per antitesi, alle più suggestive forme di comunicazione d’avanguardia proposte dal teatro contemporaneo.
Il festival “L’Ombra di Dioniso. Riscritture del mito” differenziandosi, quindi, da altri eventi, presenti sul territorio insulare quasi esclusivamente dedicati alle rappresentazioni dei testi del teatro classico, nella loro struttura originaria, propone la comunicazione di quel mondo antico che fortemente ci appartiene e, in particolare, dei suoi miti classici, attraverso riscritture moderne e contemporanee di importanti autori di fama mondiale, così come di autori meno conosciuti ma altrettanto forti e incisivi dal punto di vista culturale e sociale.
In tal senso il mondo classico e i suoi miti ad esso antecedenti, assumono un’identità non solo locale ma internazionale, divenendo elementi di raffronto tra culture e periodi storici differenti.
Riscrittura e reinterpretazione dei miti, dunque, non come semplice spettacolo ma come esaltazione della sacralità dell’atto scenico e di come questo, esercitando la sua funzione catartica, divenga motivo di riflessione per generazioni diverse, su temi universalmente e singolarmente validi.
George Steiner, parlando dei vari classici sopravvissuti, ha notato che non Sheakespeare, “ma Edipo ed Elettra e le Eumenidi hanno incessantemente avuto voce nel grande teatro e nella poesia del ventesimo secolo”. Così egli spiega questo “eterno ritorno”: “sono il mito e il suo legame con la trascendenza che generano, che impongono, la dinamica della rivisitazione, della ripetizione (quel “chiedere di nuovo”) attraverso il tempo”.

 

FINALITA’. Il festival “L’Ombra di Dioniso. Riscritture del mito” ha come finalità peculiare la valorizzazione della cultura classica in termini nuovi, attraverso varie forme di riscrittura del mito, allo scopo di favorire un momento di riflessione tanto per i cultori del genere tanto per le nuove generazioni di studenti affinché si accostino al mondo classico, liberi da quei pregiudizi mediatici che ne impediscono una corretta e profonda valutazione.
Tra le finalità, non secondaria, si pone anche quella di valorizzare la creatività teatrale delle compagnie insulari, dei tanti laboratori teatrali realizzati nella scuola,  spesso cimentatesi in eventi di sperimentazione che non hanno sempre trovato un giusto riconoscimento ed una adeguata forma di comunicazione.
DESTINATARI. L’evento si rivolge ad un target medio alto costituito sia da studenti medi ed universitari, ai quali saranno riconosciuti crediti formativi, sia da docenti, professionisti, critici, giornalisti, cultori ed appassionati del genere.

PROGRAMMA DEL FESTIVAL. Il progetto “L’Ombra di Dioniso – Riscritture del mito” presenta,  già a partire dalla sua prima edizione, una struttura composita che intende approcciare il tema proposto secondo diverse angolature, che vanno dal momento propriamente performativo e creativo, a quello più squisitamente seminariale e di approfondimento drammaturgico, a quello, infine, legato ad eventi  espositivi di genere. Gli incontri in programma si svolgeranno nel cine-teatro comunale di Giardini Naxos.

Prima giornata (giovedì 28 settembre)
 Ore 17.00;  Intervento introduttivo a cura dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes”.
A seguire inaugurazione della Rassegna, in presenza delle autorità. Interverranno: l’on. Carmelo Currenti, segretario commissione Cultura della Regione Sicilia;    il prof. Pancrazio Lo Turco, assessore alla Cultura del comune di Giardini Naxos;

ore18.00: Incontro dibattito sul tema “L’ombra di Dioniso – Riscritture teatrali tra tradizione e sperimentazione”. Interverranno: Giovanni Boncoddo, direttore artistico Universiteatrali di Messina; il Prof. Gioacchino Palumbo, regista e docente presso l’Accademia delle Belle Arti di Catania; Salvo Tessitore, regista del Teatro Biondo di Palermo; il Prof. Dario Tomasello, drammaturgo e docente di drammaturgia presso la Facoltà di Lettere dell’ Università di Messina; il Prof. Santo Giovanni Torrisi, direttore scolastico del Liceo Scientifico “C. Caminiti” di Santa Teresa di Riva; Donatella Venuti, regista e drammaturga;

ore 20.00 Intervento didattico a cura del laboratorio teatrale del liceo scientifico “C.Caminiti” di Francavilla di Sicilia, liberamente tratto da “Le Baccanti” di Suzuki Tadashi. Intervento introduttivo a cura dell’attore e regista Giuseppe Carbone

Seconda giornata (venerdì 29 settembre)

Ore 17.30: Incontro dibattito sul tema “Dioniso tra mito, rito e scena”. Interverranno: la prof.ssa Cettina Giuffrè Scibona, docente di Storia delle religioni del mondo classico presso l’Università di Messina; la prof.ssa Fulvia Toscano, direttrice artistica della Rassegna di cultura classica “Extramoenia”:
 
ore 19.00: Intervento didattico a cura del Liceo Scientifico “C. Caminiti” di Giardini Naxos, liberamente tratto da “Le Baccanti” di Wole Soyinka. Intervento introduttivo a cura della regista e scenografa Virginia Carnabuci;

ore 20.30: Riscritture del mito in televisione. Intervento del regista Salvatore Presti, direttore artistico del “Milazzo Filmfestival”.    Chiusura dei lavori a cura dell’ Associazione “Le Officine di Hermes”

Leave a Response