Roccalumera, don Mantarro indagato per usura

ROCCALUMERA – Si arricchisce di altri particolari la vicenda che ha per protagonisti padre Carmelo Mantarro, parroco di Allume (frazione di Roccalumera) e S. Teresa di Riva di Riva, e la  perpetua brasiliana di 39 anni, Silvia Gomes de Souza. Il sacerdote, infatti, è stato raggiunto ieri da un avviso di garanzia in cui viene ipotizzato il reato di usura.
Altre quattro persone, tra cui anche qualche parente del sacerdote, sono invece indagate per furto in abitazione. Stando alle dichiarazioni della perpetua brasiliana, lo avrebbe subito, a seguito delle sue rivelazioni, nell’abitazione di Roccalumera ad opera delle quattro persone adesso sottoposte ad indagini. Queste le iniziali degli iscritti nel registro degli indagati: V. M.; P. S.; E. R. e A. C. Si tratterebbe del furto di un contenitore nel quale c’era custodito il feto di un bambino che, come sostiene la donna brasiliana, avrebbe concepito con il sacerdote che l’avrebbe poi costretta ad abortire. E sul furto, pare, che le indagini dei carabinieri continuano per individuare altri eventuali responsabili. Gli indagati abitano tra S. Teresa di Riva e Furci Siculo.

 

Intanto, i carabinieri di Roccalumera avrebbero sequestrato 1.400 fotografie che dimostrerebbero la relazione tra il parroco e l’ex perpetua. Silvia Gomes de Souza.

 I nuovi fatti contestatii dal magistrato del tribunale di Messina, il sostituto procuratore Federica Rende, come detto, vengono fuori dalle dichiarazioni rilasciate da Silvia Gomez,  che la scorsa settimana aveva tentato di bruciare la villetta di campagna del prete, che si trova  a Nizza di Sicilia in contrada Landro, distante dal centro abitato.
La donna aveva  dichiarato  di aver avuto una relazione sentimentale con il religioso che durava da quattro anni ed aveva aggiunto che lo stesso sacerdote avrebbe esercitato l’attività di usuraio e di aver subito un furto. Il sostituto procuratore Federica Rende, in approfondimento di indagini, ha emesso gli avvisi di garanzia.
Silvia Gomez de Souza è assistita dall’avvocato Daniela Agnello.

Leave a Response