Messina. Vertenza Oviesse, interrogazione al ministro

MESSINA – Sulla vertenza Oviesse di Messina è intervenuto oggi da Roma con una interrogazione al Ministro del Lavoro, l’on. Giuseppe Cosimo Sgobio, dei Comunisti italiani. Nel documento il deputato ricorda che il 24 agosto scorso, gli ex lavoratori dell’Oviesse di Messina   si sono incatenati davanti ai nuovi magazzini, per protestare contro lo stato di mobilità cui sono stati posti già dal 2005 da parte dell’azienda e per non essere stati reintegrati nei nuovi posti di lavoro, dato che la stessa azienda ha inaugurato – il 24 agosto 2006 – nuovi locali nel comune di Messina, venendo meno  – scrive Sgobio – agli accordi sindacali che prevedevano, in tal caso, la reintegrazione degli ex lavoratori in questione. La decisione dell’azienda – prosegue il deputato – appare bizzarra e tendente a scavalcare l’art.18 dello statuto dei lavoratori in merito al licenziamento senza giusta causa. L’on. Sgobio chiede al ministro del Lavoro se non ritenga opportuno e urgente intervenire, presso i soggetti interessati, a tutela dei diritti, della dignità e delle professionalità dei lavoratori coinvolti, nell’intento di scongiurare e porre fine a quanto deciso dai vertici aziendali e garantire i diritti elementari dei lavoratori stessi ed il rispetto delle normative che regolano la materia.

Leave a Response