Furci. Rinnovate le commissioni dell’Unione dei Comuni

FURCI SICULO – E’ tornata a riunirsi l’assemblea dell’Unione dei comuni delle Valli Ioniche e dei Peloritani. L’assemblea consiliare, convocata in seduta ordinaria, dal presidente Giuseppe Di  Tommaso ha avuto luogo nel Centro Diurno di Furci.  Cinque i punti all’ordine del giorno.  A seguito di  cambiamenti,  avvenuti in seno alle  amministrazioni dei comuni di Limina ,Scaletta e S.Alessio si è  proceduti al reintegro del plenum consiliare con l’insediamento di nuovi consiglieri. Per il comune di Limina ,  ha prestato giuramento il consigliere Marcello Bartolotta;  Per il comune di S.Alessio, alla surroga del consigliere Giuseppe Sterrantino, rappresentante della minoranza e dimessosi per essere transitato come assessore nel gruppo di maggioranza, e subentrata il consigliere Silvana Carnabuci. Si è poi passati al quarto punto,  che dichiarava decaduti alcuni consiglieri del Comune di Scaletta. Per una migliore articolazione e funzionalità del consiglio sono stati costituiti 6  gruppi consiliari e 7  commissioni che avranno il compito di lavorare su :vigilanza e controllo; rapporti  con l’Europa,  Istituzioni e Governo Regionale e Nazionale; pianificazione del territorio, infrastrutture, bilancio sviluppo economico; agricoltura artigianato, industria, viabilità, interna e rurale, difesa dell’ambiente; Pianificazione energetica, metanizzazione ed equa distribuzione delle risorse; Reti e servizi comuni, solidarietà sociale, pari opportunità, giovani e anziani; Sport, turismo, beni culturali e pubblica istruzione. I capi gruppi eletti sono stati: Antonino Muscarello,  Giacomo D’Arrigo, Francesco Nicita,  Carmela Scarcella, Carmelo Pagano e Salvatore Sciacca. Soddisfatto, per la serena ripresa dei lavori, il Presidente del consiglio di Tommaso e per la dichiarazione del Presidente dell’Unione, Sebastiano Foti il quale ha comunicato le linee guida di un bando- concorso, fatto dalla giunta, per mettere in atto  lo studio di un  piano  strategico comprensoriale.

Leave a Response