Volley, B2/f. L’Amando S. Teresa asfalta Reggio Calabria e fa suo il derby dello Stretto. Al Palabucalo finisce 3 set a 0

S. TERESA DI RIVA – Molti gli interrogativi che gli addetti ai lavori si ponevano prima della partita fra la Farmacia Schultze- Villa Zuccaro e la Volley Reghion. Come reagirà la squadra di Santa Teresa dopo il cambio in panchina? Quale sarà l’impatto del neo tecnico Roberto Scala con la Serie B2? Che aria di respirerà sugli spalti dopo la forte decisione presa dalla dirigenza Amando? Tutto spazzato via dopo pochi minuti!!! I tifosi hanno cominciato a cantare come al solito, le ragazze hanno subito dimostrato concentrazione e determinazione (parziale iniziale di 4 a 0). Scala glaciale in panchina, con la calma che lo ha sempre contraddistinto, consapevole di aver studiato molto per questo esordio, a dare le giuste indicazioni alle sue ragazze. Le squadre partono con gli schieramenti previsti alla vigilia. La squadra di casa con Bertiglia opposto ad Agostinetto, Rania e Marino nel ruolo di schiacciatrici, Mercieca e Richiusa dal centro, Foscari libero Salvago si affidava a Romeo in regia con Saporito opposta, Dimitrova e Ragonese centrali, Borghetto e Speranza schiacciatrici e al duo Mucciola e Angilletta Chiara nel ruolo di libero “alternato”. Partono forti le biancazzurre con Salvago a chiamare subito il primo discrezionale (4-0). Lento il recupero delle ospiti fino al -1 (9-8). Poi in battuta si presenta Richiusa, che con un ficcante servizio sempre indirizzato sulla penetrazione dell’alzatrice in P1, porta alla sua squadra ben 5 punti. E’ l’inizio della cavalcata vincente del team di Scala che allunga sulle avversarie fino a chiudere in maniera quasi schiacciante con un perentorio 25-13. Nel secondo set il mister delle calabresi mischia le carte, inserendo Tortora in posto quattro, dirottando Borghetto nel ruolo di opposta. Il set risulta molto più equilibrato , anche se nella fase centrale l’Amando riusciva ad allungare fino al 15-10, fino al turno in battuta della Dimitrova che, complice una ricezione meno precisa di altre volte delle Aquilotte di casa, riusciva a portare avanti le sue (15-16). L’equilibrio durava fino al 20 pari. Un’ ispiratissima Giulia Agostinetto gestiva al meglio le sue attaccanti per una chiusura di set sul 25-21. Nel terzo ed ultimo parziale l’equilibrio durava fino al 11-10. Poi con 2 turni interminabili in battuta di Rania e DeLuca, subentrata a Richiusa, L’Amando infilava un parziale di 14 a 3. A nulla sono valsi i tentativi di Salvago di arginare Bertiglia, Marino e Mercieca con l’ingresso in campo di Saporito e Cherepova. Le ragazze di casa attaccavano senza soluzioni di continuità e il set si chiudeva sul 25-13. A fine partita Scala, ai microfoni dei cronisti, lascia il proscenio alle sue ragazze, elogiandole per il lavoro svolto nelle 2 settimane precedenti. “La partita, continua il mister di Nizza, l’abbiamo vinta innanzitutto dalla linea dei 9 metri, con battute efficaci con le quali abbiamo limitato le attaccanti più forti di Reggio. Oggi ci sono stati fondamentali su cui non siamo andati benissimo e sui quali lavoreremo già a partire da Lunedì.” Grande entusiasmo al Palabucalo, che ha dimostrato di essere molto vicino al tecnico a Km zero scelto dalla dirigenza bianco-azzurra. Sabato prossimo la Farmacia Schultze- Villa Zuccaro andrà a far visita al Pedara, che fra le mura amiche è una squadra temibilissima. La strada è ancora lunga e piena di insidie.

Leave a Response